©U2place.com

U2place.com... a place where the wind calls your name...

Social Network

Entra a far parte di U2place.com, unisciti ai nostri Social Network!

Il forum

Entra a far parte di U2place.com Forum! La più grande community U2 al mondo è italiana!
Iscriviti gratuitamente al nostro forum.

Speciali

Vieni a scoprire tutte le rubriche, gli "specials" e le coreografie che U2place negli anni ha seguito e ideato!

U2place Mobile


Segui U2place anche in mobilità!

Il futuro per gli U2 come sar? Nuovo album, nuovo tour ed intanto parte SiriusXM Channel

Verso la fine dell'ultimo Tour, veniva presentato un misterioso logo, che solo successivamente si potuto svelare fosse SiriusXM Channel.
La sua inaugurazione sar oggi pomeriggio, 1 luglio alle ore 15.00, con un'ampia programmazione che include tutto il catalogo musicale degli U2.

Al venerd sera il palinsesto includer anche il sound pi brioso e danzereccio della band, con i pi famosi remix del mitico Paul Oakenfold.
E' prevista una sezione interattiva con i fan, dai pi famosi come Matthew McConaughey che racconteranno il loro rapporto con gli U2.

Il Ceo di Sirius ed Edge raccontano qualche dettaglio

Secondo il CEO Scott Greenstein, che ha parlato di questa idea gi una decina di anni fa, sar una piattaforma unica e si evolver nel tempo, seguendo la band.
Anche Edge conferma le parole di Greenstein, aggiungendo che durante la quarantena ha potuto immergersi nella piattaforma Sirius e coinvolgendo il resto della band, hanno pensato alla creazione di un loro canale interamente dedicato.
Siamo interamente coinvolti nel generare playlist dedicate, che dovranno andare online 24/7 ed organizzeremo anche delle ospitate, con delle persone che vorranno parlare degli U2, come David Byrne, Carlos Alomar, Noel Gallagher, Joe Walsh, Tom Morello.

Sempre Edge continua commentando che questa sar la prima fase, ma stanno gi studiando la prospettiva, inserendo contenuti che hanno sempre affascinato gli U2 e che pensano che piaceranno ai fan.

L'entusiasmo di Edge ed il rapporto degli U2 con i bootlegs

Edge promette che manterranno lo standard elevato della qualit, inserendo bootlegs e registrazioni delle prove o anche registazioni strane di canzoni che non hanno mai visto la luce.
Il chitarrista continua spiegando come possiedono vecchie registrazioni ad un canale, dove non si sente il pubblico, che verranno utilizzate durante il palinsesto. Ammette che si sta divertendo molto in questo lavoro.

Gli U2 sono da sempre una band che si trascina una moltitudine di bootlegs, Edge ricorda la pagina organizzata sui giornali irlandesi, con la copertina da ritagliare per lo storico concerto di Capodanno 1989, andato in onda in diretta nelle radio di tutto il mondo.

Nuovo Tour? Nuovo album?

Nell'intervista a Rolling Stone, Edge sfiora l'argomento che sta solleticando i fan, circa un nuovo Tour celebrativo dei trent'anni di Achtung Baby, anche se non sicuro circa la sua reale esecuzione.

Ed infine viene chiesto al chitarrista se gli U2 stanno lavorando ad un nuovo album, affermando che non ha mai smesso di cercare nuove canzoni, qualcosa di eccitante gi nato ma non c' ancora una pianificazione che ruota attorno a questa attivit.

FONTI articolo di Rolling Stone Magazine

Scritta da: Staff il 01/07/2020

Bono presenta la cover ideata da Finneas di Beautiful Day

Bono - U2songs

Durante l'evento Dear Class of 2020 Bono ha parlato della cover di Beautiful Day ideata da @finneas.
Ci ha ricordato che il sogno americano non ancora diventato realt per tutti.

Scritta da: Staff il 10/06/2020

4 giugno 1981, gli U2 per la prima volta in TV negli States

Siamo sempre affascinati dagli early days degli U2, quel periodo ruggente durante il quale si disposti a tutto per farsi conoscere ed arrivare ad un numero sempre maggiore di persone. Degli U2 si conosce tantissimo, c' solo da approfondire meglio quei giorni, anche per capire la mentalit dei nostri

4 giugno 1981, tarda serata, Tv accesa sintonizzata sulla NBC: inizia il Tomorrow Show.
E' li che quattro ventenni di Dublin, fanno la loro prima apparizione ufficiale in un programma televisivo americano, durante la puntata registrata il 30 maggio presso gli NBC Studios di New York e andata in onda cinque giorni dopo.

Stralcio del giornale con la programmazione - fonte @U2

Per loro, in tutto dieci minuti, ma dieci minuti di energia, genuinit e tanta voglia di emergere.
Bono, Edge, Adam e Larry con i loro capelli in disordine, salgono sul palco e suonano I Will Follow. Bono si fa riconoscer subito, scendendo dal palco ed avvicinandosi al pubblico.
Tom Snyder, conduttore e padrone di casa del programma, lo rimproverer scherzosamente durante l'intervista, sottolineando il nervosismo del cameraman verso tali libert di movimento.
Segue, per l'appunto, una brevissima intervista in cui Bono ed Edge, con sguardo vivace e lingua sciolta, mostrano la carica che anima la band ed il loro entusiasmo, per essere approdati in America.

Poi la volta di Twilight, prima e seconda traccia di quel meraviglioso album che Boy.

Perch lo avete chiamato Boy, chieder Tom Snyder... perch un simbolo di innocenza, il simbolo di un inizio, risponder prima Edge, cui Bono far eco con: un'introduzione agli U2!

E dopo 39 anni, di quei quattro ragazzi dai capelli in disordine, abbiamo conosciuto e amato sia l'innocenza che l'esperienza.

Ecco il video completo di quella primissima esibizione

gli U2 a spasso nella grande Mela

Da un'idea di SaraB che ha scritto l'articolo, grazie ed ai prossimi slanci!

Scritta da: Staff il 04/06/2020

Volete investire? Ecco l'asta per il Joshua Tree autografato dagli U2

Il pack del Joshua Tree all'asta..

Le vacanze quest'anno sono in bilico?
Potreste provare ad acquistare questa unica copia del Joshua Tree boxset dei vinili, autografata dagli U2 e niente di meno che... il testo di Where The Streets Have No Name scritto di pugno da Paul!

Avete voglia di investire? la base d'asta 50, ma in poche ore siamo gi a 6.500 ..

Scritta da: Staff il 14/05/2020

Bono: le 60 canzoni che mi hanno salvato la vita

Bonovox, 60 anni il 10 maggio 2020.

In occasione del suo sessantesimo compleanno Bono ha pubblicato una lista delle 60 canzoni che, secondo la sua esperienza, gli hanno salvato la vita.

'The ones I couldn't have lived without the ones that got me from there to here, zero to 60 through all the scrapes, all manner of nuisance, from the serious to the silly and the joy, mostly joy.'

La lista include brani che hanno fatto parte della prima parte della vita di Bono e brani molto pi recenti come quello di Billie Eilish per esempio. Lo stesso Bono ha scritto anche 7 lettere per 7 canzoni per spiegare alcune delle scelte fatte, in alcune lettere stato molto commovente.

Ecco la lista dei brani:

60 Songs That Saved My Life
1. Luciano Pavarotti, Bono & Zucchero - Miserere
2. Sex Pistols - Anarchy In the UK
3. Kanye West  - Black Skinhead
4. Billie Eilish  - everything i wanted
5. David Bowie - Life on Mars?
6. The Beatles  - I Want to Hold your Hand
7. Ramones  - Swallow My Pride
8. The Clash  - Safe European Home
9. Public Enemy - Fight The Power
10. Patti Smith - People Have the Power
11. John Lennon  - Mother
12. The Rolling Stones - Ruby Tuesday
13. Elton John - Daniel
14. Andrea Bocelli- Con Te Partiro
15. Elvis Presley - Heartbreak Hotel
16. Johnny Cash - Hurt
17. This Mortal Coil - Song to the Siren
18. Kraftwerk - Neon Lights
19. The Fugees - Killing Me Softly With His Song
20. Prince - When Doves Cry
21. Daft Punk feat Pharrell Williams & Nile Rodgers - Get Lucky
22. Madonna - Ray of Light
23. JAY-Z feat Alicia Keys - Empire State of Mind
24. Talking Heads  - Love Goes to Building on Fire
25. Lou Reed - Satellite of Love
26. The Verve - Bitter Sweet Symphony
27. Joy Division - Love Will Tear Us Apart
28. New Order - True Faith
29. R.E.M.  - Nightswimming
30. Adele - Chasing Pavements
31. Arcade Fire - Wake Up
32. Pixies - Monkey Gone to Heaven
33. Oasis - Live Forever
34. Iggy Pop - Lust for Life
35. Gavin Friday - Angel
36. Massive Attack - Safe From Harm
37. Kendrick Lamar feat U2 - XXX
38. Bob Marley & The Walers - Redemption Song
39. Echo and the Bunnymen - Rescue
40. Nirvana - Smells Like Teen Spirit
41. Pearl Jam - Jeremy
42. Bob Dylan - Most of the Time
43. Beyonc feat Kendrick Lamar - Freedom
44. Depeche Mode - Walking In My Shoes
45. Nick Cave & The Bad Seeds - Into My Arms
46. Simon & Garfunkel - The Sounds of Silence
47. Coldplay - Clocks 
48. INXS - Never Tear Us Apart
49. New Radicals - You Get What You Give
50. Anglique Kidjo - Agolo
51. Lady Gaga  - Born This Way
52. Frank Sinatra & Bono - Under My Skin
53. David Bowie - Heroes
54. Simple Minds  - New Gold Dream (81/82/83/84)
55. Sinad O'Connor - You Made Me The Thief Of Your Heart
56. Van Morrison - A Sense of Wonder
57. Bruce Springsteen - There Goes My Miracle
58. Daniel Lanois - The Maker
59. Peter Frampton - Show Me The Way
60. Bee Gees - Immortality - Demo Version

E' possibile ascoltarli in streaming sui seguenti canali
Spotify
Apple Music
Amazon Music
Deezer
YouTube Music

Scritta da: Staff il 13/05/2020

Tanti auguri Bono! Meraviglioso sessantenne

Tanti tanti auguri a Paul Hewson, per qualcuno Bonovox e da oggi meraviglioso sessantenne.
Leader degli U2, marito, pap di quattro figli e, per milioni di fan, l'amico fraterno che hanno ascoltato di pi.

Il tempo vola caro Paul, oggi sei uno splendido sessantenne, ma solo un traguardo intermedio, noi ti aspettiamo sempre con quell'amore reciproco, che ci ha contraddistinto per tutta la vita.

Qui sotto una nostra dedica, che andata a cercare i tuoi sorrisi, la tua generosit e la tua grande passione per il palco e per tutti noi fan U2.
E noi lo abbiamo sentito sempre fortissimo! Grazie.

Scritta da: Staff il 10/05/2020

Welcome Mr. MacPhisto, dallo ZooTv al 2018

Bono e MacPhisto

Welcome Mr. MacPhisto, dallo ZooTv al 2018. Torniamo a maggio 1993, l'8 maggio per la precisione, Willie Williams cos scrive: Questa sera abbiamo (quasi) fatto una prova completa. Non c' male. La star dello spettacolo il nuovo personaggio pensato da Bono per i bis.
Sostituir il predicatore travestito da mirrorball dei concerti americani. Abbiamo trascorso l'intero pomeriggio chiusi in camerino a cercare di scoprire che tipo sia. Bono l'ha chiamato 'Mr. Gold', per via dei raffinatissimi vestiti a zatteroni che indossa. Parla come un eccentrico inglese malfermo, un incrocio tra Laurence Oliver e Quentin Crisp. Ma non solo, in lui ci sono moltissime altre anime: Joel Gray, Arancia Meccanica, il diabolico conduttore di un gioco a premi, E' Satana, fondamentalmente. Davvero molto particolare, divertente ed inquietante al tempo stesso.

9 maggio 1993, arriva l'esordio ufficiale sulle scene di Mr. Macphisto, sempre Willie Williams ricorda: Prima europea. E' andato tutto bene. La band ha suonato alla grande e la tecnologia si comportata benissimo, soprattutto se consideriamo che i nostri nuovi 'videowall', esageratamente grandi, una settimana fa erano dentro gli scatoloni. Com'era prevedibile il nuovo personaggio di Bono ha rubato la scena. E' stato battezzato MacPhisto e, all'ultimo momento, gli sono state aggiunte un paio di piccole corna rosse di velluto. Cerone bianco sul volto e labbra rosso fuoco. Primo bis, Desire: ecco uno di quegli incredibili momenti in cui ti rendi conto di sapere qualcosa che il pubblico non sa. MacPhisto compare sul palco e si sentono 50mila persone esclamare: che cazzo succede? La cosa incredibile, per, che non aveva mai piovuto fino al momento dei bis, quando invece si scatenato l'inferno: MacPhisto ha fatto la sua prima apparizione sotto un violento acquazzone, tra lampi e tuoni. Una situazione a met tra Faust e Apocalypse Now. Grande prima data, atmosfera euforica. (Prima telefonata su Ultraviolet)

MacPhisto, 2018 - foto U2.com

MacPhisto un personaggio che ha sempre rappresentato un motivo di interesse particolare anche all'interno del nostro Forum, con una folta rappresentanza di placers, che ci hanno raccontato ogni dettaglio, ogni risvolto del personaggio, ritornato sulle scene durante l'EiTour.
Di seguito alcuni pensieri di Sere Sere:

Bono qualche tempo dopo:
C' una canzone intitolata Acrobat, che dice:
Don't believe what you hear,
don't believe what you see
if you just close your eyes
can feel the enemy

Non la ricordo bene, ma il punto che si comincia a vedere il mondo con occhi diversi, a sentirsi parte del problema, non della soluzione.
Bono on Bono - Michka Assayas

"Si comincia a vedere il mondo con occhi diversi"...
Sar per questo che Bono ha deciso con l'Experience Tour, di far tornare in auge il suo diabolico alter ego?
In ogni caso, come raccontato anche da Willie Williams, Bono riporta on stage MacPhisto sullo schermo, tramite il filtro della realt aumentata, che debutta per la prima vola il America a Tulsa il 2 maggio 2018
Specchiandosi nel dispositivo, riveler il suo lato diabolico.

Mac Phisto si presenta sulla falsariga di Sympathy for the Devil e durante le varie date, affronta personaggi, temi e situazioni del momento; in seguito affiner sempre pi il personaggio sia fisicamente che caratterialmente.
Uno dei suoi amici preferiti senza dubbio Donald Trump, rammentato successivamente anche quando approda nel vecchio continente. Proprio in Europa, Macphisto ricorda che anche l'America piena di stranieri, che non ama particolarmente. Cos come non gli piace la parola 'Compromesso' e certi 'odori' di democrazia, di unit, tolleranza e inclusivit....e i ponti.

Invece adora i muri, la confusione.. A pi riprese ha commentato le azioni del suo vecchio amico Bo-no, a Berlino lo ha preso in giro per la sua perdita di voce (1 sept. 18). Per lui stato il miglior momento, perch Bono fa discorsi sull'Europa e su se stesso..cos noioso!
Ecco che consiglia di ascoltare Donald! L'Europa...per lui un'idea ridicola. Che senso ha parlare lingue diverse insistendo a comprendersi? MacPhisto nostalgico, ha fatto anche qualche incursione nel passato: commentando una visita di Bono dal Papa. Bo-no andato a Roma a vedere il Papa..inginocchiandosi a lui: io non mi inginocchiavo quando vivevo l.

In Spagna ha rammentato i Borgia, quando erano i suoi migliori amici. Adesso ne ha di nuovi, in giro ci sono diversi personaggi, che secondo lui, stanno facendo un buon lavoro. Sparsi per l'Europa e per il mondo, ma hanno tutti una faccia..la sua
Si congeda il 13 novembre a Berlino, avvertendo che sar solo 'fuori dal campo visivo', perch comunque ' quando pensi che non esista che faccio il mio miglior lavoro!'

MacPhisto nel 2018

MacPhisto e le 4 serate del Forum

Gioved 11 ottobre Forum di MIlano

MacPhisto: "Even the greatest stars... discover themself in the looking glass..." [approaches tablet computer on a stand; sees a devilish face superimposed over his own image] "Even the greatest stars..."
MacPhisto: [chuckles]
MacPhisto: "Buonasera, Milano!"
MacPhisto: "MacPhisto al vostro servizio, ahahahahaha."
MacPhisto: "Oh, look at you  bella, bella, bellllaaa."
MacPhisto: [yawns] "I hear that jumped-up little Jesus, Bo-no, went to Brussels for the day. Oh, bravo, Bo-no... bravo!  Brussels the capital of the EU. Well, Bo-no, FEU2!"
MacPhisto: "You get it?  F... E... U... 2?  The T-shirt?" [wicked laugh]
MacPhisto: "I love T-shirts. Europe what a nonsense idea. Everybody speaking different languages, but insisting on understanding each other!  Che schifo, Bo-no!"
MacPhisto: "I miss... the old days. Two world wars, fascists and communists fighting for the soul of the people... like we really cared for the people. Families divided oh, I LOVE a good family feud!  The demonising... of the other side. I do love... a demon!  I feel some demons are around to give me company again I'm... I'm rather encouraged. And Milano? Just remember... it's when you don't believe I exist that's when I do... my best work."

Venerd 12 ottobre - Forum di Milano

MacPhisto: [sings] "Even the greatest stars... discover themself in the looking glass..." [approaches tablet computer on a stand; sees a devilish face superimposed over his own image] "Even the greatest stars... discover themself in the looking glass..."
MacPhisto: [inhales] "Buonasera, Milano."
MacPhisto: "MacPhisto al vostro servizio."
MacPhisto: "Ohhh." [wipes away tears] "I'm so sad tonight. I do miss my old pal... Benito Mussolini."
MacPhisto: [sniffles] "Ohhh, Benny. Benny and his jets."
MacPhisto: "I used to say, 'Il Duce?'"
MacPhisto: "Oh, hold on!  I used to say, 'Il Duce, what's the use of the trains running on time, if you're not deporting people?'" [wicked laugh]
MacPhisto: [laughing] "Mm-hm!  But you know... old Benny-Benny-Benito, he did have some... excellent ideas. The Manifesto of Race  Manifesto della razza. Ha ha ha ha ha."
MacPhisto: "So practical. So practical. No ethnic shops after 9 o'clock."
MacPhisto: "I think that's where we got it all started. No people with very dark tans unless they're... orange... if you know what I mean. Ahahahahaha.
MacPhisto: "Oh, and Milano? Just remember... it's when you don't believe that I exist that's when I do... my best work."

Luned 15 ottobre - Forum di Milano

MacPhisto: 1 "Even the greatest stars..." [gazes at tablet computer on a stand; sees a devilish face superimposed over his own image] "...discover themself in the looking glass..."
MacPhisto: [sniggers] "Buonasera, Milano!  MacPhisto al vostro servizio." [bows]
MacPhisto: "Hahahahaha!" [sniffs] "What's... what's that smell?" [sniffs] "Oh!  It's confusion. Ha ha ha ha ha!  My favourite scent!  When the truth is complex, it's a great time to be MacPhisto don't you agree?"
MacPhisto: "When the truth is complex... and lies are so simple... it's great to be MacPhisto. Yeah?"
MacPhisto: [chuckles] "Uncertain times well, they need strong men, who get shit done. Men like... Viktor Orbn... in Hungary."
MacPhisto: "Mine like... Jimmie kesson!" [gives Nazi salute] "...ha ha ha ha ha ha ha... in Sweden. Men like... Marine Le Pen..." [frowns slightly] "...in France. Ha ha!"
MacPhisto: "Men like... oh, I think you've a few to choose from in Italy."
MacPhisto: "Yeah?"
MacPhisto: "Strong men. My kinda people. Power... to the people... like... me!  And as for the rest of you... well, you've got the power... to do what you're fucking told." [wicked laugh]
MacPhisto: "Vote MacPhisto!"
MacPhisto: "Strong man for Europe!"
MacPhisto: "And Milano?  It's when you don't believe I exist that's when I do... my best work. Ha ha ha ha ha!"

Marted 16 ottobre - Forum di Milano

MacPhisto: [sings] "Even the greatest stars..." [gazes at tablet computer on a stand; sees a devilish face superimposed over his own image] "...discover themself in the looking glass..."
MacPhisto: "Ha ha ha ha ha ha. Buonasera, Milano. MacPhisto al vostro servizio." [bows and laughs]
MacPhisto: "Tonight, I bid you... farewell." [sniffles] "Arrivederci."
MacPhisto: "It's-- it's not good evening... it's goodbye. But as I leave Milano, my melancholy is tempered by the knowledge that my people are arriving all over Europe. Ha ha. That's right. They go by many names, my people. In Sweden, they call themselves... democrats Sweden Democrats."
MacPhisto: "In France, they keep changing their names. In Poland, they have names even I can't pronounce. In Hungary... well, haha... they're just hungry for me." [chuckles]
MacPhisto: "In Italy... well, you've a few to choose from, don't you? Ha ha. My hot tip my hot tip! is Matteo Salvini, ohhh yes!"
MacPhisto: "Oh, yes!  No no no, I won't hear a bad thing about him. He can't spell very well, or count... but who needs facts and figures, when you only want to look like you can solve a problem? You just want to look like you can solve the problem!"
MacPhisto: "So many names, my bambinos. But they all have one face... mine."
MacPhisto: "And remember... it's when you don't believe that I exist that's when I do... my best work."

foto instagram U2nate

FONTI: Propaganda e l'inesauribile Forum di U2place
Grazie al quotidiano e prezioso contributo di Sere Sere, che con costanza e dedizione ha trascinato un folto numero di placers, stimolati a raccontarci tutto di MacPhisto!

Scritta da: Staff il 08/05/2020

Tutti Fuori! Where The Streets Have No Name

Tempe AZ - Where The Streets Have No Name, 20 dic 1987

Tutti Fuori! Where The Streets Have No Name
E' difficile trovare le parole giuste per descrivere questo 4 maggio per noi italiani. Oggi dopo due mesi di vera quarantena, ci apprestiamo a riprenderci parte della nostra vita, della nostra libert.
Torniamo gradualmente alle nostre abitudini, con le precauzioni, con mille attenzioni, forse con diffidenza nei primi momenti.
Ma dopo aver 'provato' una vera segregazione, contornata da regole a noi sconosciute, stiamo per tornare a vivere, a respirare l'aria della libert che va molto oltre le quattro mura di casa.
Sta per alzarsi il sipario verso lo spazio infinito.

Questa esplosione di gioia, vogliamo associarla alla canzone di apertura di Joshua Tree e pezzo colossale nella storia della musica.
In questo articolo non ci interessa ripercorrere la sua nascita, l'ispirazione, la difficoltosa genesi della canzone.
Vogliamo solo spingervi a seguire l'onda infinita della celebre intro di Edge, chiudere gli occhi ed immaginare ancora l'esplosione di luci quando la canzone parte. Il ritmo incessante di Larry, Adam ed Edge ed il generoso fervore della voce di Bono.

Alziamo tutti il volume, regaliamoci un applauso, sorridiamo alla vita e lasciamoci andare.
All'energia ed alla passione ci pensa Lei, l'inno trasversale per due generazioni di fan U2: Where The Streets Have No Name!

1987 - l'anno di Joshua Tree

Il video

Di quel 27 marzo 1987 oramai si conosce tutto.
Il video girato tra la 7th e la Main st. nella downtown di Los Angeles, sul rooftop del Republic Liquor Store, ha vinto il Grammy come miglior video dell'anno.
Forse non tutti sanno che sul set, stato montato il traliccio dell'insegna del Million Dollar Hotel, per dare il senso di fine inquadratura alle immagini.
La canzone stata la fantastica sigla di DeeJay Television per molte settimane, la trasmissione che catalizzava l'interesse dei giovani ascoltatori e che iniziava subito dopo la giornata scolastica.

Il Singolo

Where The Streets Have No Name, nella sua versione 'rara' in cassetta

Il terzo singolo di Joshua Tree doveva essere Red Hill Mining Town, ma per il 31 agosto 1987, fu scelta Where The Streets Have No Name al suo posto.
Le b-sides sono Race Against Time, una sorta di pezzo afro ritmico, con Bono che canta in una lingua etiopica. Poi presente Silver And Gold, canzone registrata da Bono con Keith Richards e Ronnie Wood e terzo e 'ultimo pezzo che compone le b-sides The Sweetest Thing, di cui conosciamo tutto.
La canzone stata pubblicata nei formati vinile da 7" e 12", cd e una rara release in cassetta, di cui sopra abbiamo pubblicato il booklet.

Where The Streets Have No Name, Rattle&Hum - Tempe 20 aprile 1987.
La prima con il fondo rosso, che tutt'ora accompagna gli U2 nei live.

Where The Streets Have No Name live

La canzone da sempre uno dei momenti pi calorosi in ogni concerto degli U2.
E' stata suonata in totale 907 volte e in 111 serate ha aperto le danze, tra il Joshua Tree Tour ed il Lovetown Tour.
Curiosamente, il giorno dell'esordio, il 2 aprile 1987 a Tempe, fu una delle peggiori per colpa di Bono che affront il concerto con grossi problemi di voce.
Nonostante gli U2 siano riusciti nell'incredibile impresa nel 2018, di completare un intero Tour senza suonarla, esperienza da non ripetersi mai pi, durante i concerti attorno alla canzone sono sempre ruotati momenti fantastici, anche dopo l'anno di grazia 1987.

Impossibile infatti, non ricordare Running To Stand Still-Streets nello ZooTv. Oppure la successiva e non meno clamorosa Please-Streets nel PopMart Tour. L'unico anno nel quale la canzone aveva una coda finale, che prolungava l'entusiasmo e l'adrenalina, che i puristi per non amano molto.
Altissimi livelli anche nell'Elevation Tour, quando la striscia Bad-(40)-Streets, valeva intere discografie, messe li come estratte da un cilindro a caso. Nello stesso tour, la sequenza che strappa la pelle diventa All i Want is You-Streets
Al termine di ogni Where The Streets Have No Name, sale sempre altissima l'ovazione in ogni venues, a sottolineare l'entusiasmo e la grande devozione.

Le altre Streets

foto Star Tribune

Molto emozionante la Streets suonata e cantata all'Halftime del Superbowl del 2002, che seguiva MLK, finch saliva la lunga lista di parte dei deceduti l'11 settempre del 2001.

E' stata inserita tra le colonne sonore del film Fearless del 1993 ed Extremely Loud and Incredible Close, con Tom Hanks, uscito nel 2011

La canzone stata scelta dall'organizzazione mondiale della Croce Rossa e gli U2 hanno acconsentito al suo utilizzo, per accompagnare il commovente video che ripercorre il lavoro delle migliaia di volontari.

I promo poster del 1987

gli in-store poster, che presentavano il singolo di Where The Streets Have No Name nel 1987. Formato 80x40 quello sopra e 155x105, il poster nell'immagine qui sotto.

FONTI: la migliore e pi completa fonte su Streets, SOGNI AD ALTA VOCE di Rudy.


Scritta da: Staff il 04/05/2020

U2 feat Elton John: Bang a Gong (Get It On)

Edge, Larry, Bono e Adam sono stati in Studio con Hal Willner a New Orleans nel 2017 per suonare Bang A Gong (Get in On). E' la celebrazione di un artista che era un idolo da adolescenti e si sono uniti a Trombone Shorty e Elton John al piano, quasi 50 anni dopo che Elton si un a Marc Bolan in Top of the Pops nel 1971.

L'era d'oro di Bolan risale alla fine degli anni sessanta e settanta, quando fu il pi grande artista di singoli dai tempi dei Beatles e del Glam Rock. Mor nel 1977 a soli 29 anni, ma la sua reputazione cresciuta e questo album tributo arriva l'anno in cui verr inserito nella Rock 'n Roll Hall of Fame.

Purtroppo arriva anche la notizia della morte di Hal Willner, che aveva una reputazione speciale, per aver creato l'alchimia con diversi artisti "Uno dei pi grandi musicisti di tutti i tempi", come lo aveva descritto Edge il mese scorso, ricordando un amico che aveva collaborato con gi U2 per vent'anni.

Hal ha lavorato su "AngelHeaded Hipster" per un po' di tempo, con sessioni tra New York, Los Angeles, New Orleans, Londra, Parigi e Berlino. L'album presenta ospiti speciali, Donald Fagen, Mike Garson, Bill Frisell, Wayne Kramer, Van Dyke Parks e Marc Ribot, con arrangiament di Thomas Bartlett, Steven Bernstein, Eli Brueggemann, J.G. Thirwell e Steve Weisberg.

Anticipando l'uscita di "AngelHeaded Hipster", Hal aveva parlato del perch avesse messo Bolan in quella compagnia: "Mi sono immerso in questo artista ascoltando tutto, parlando con esperti e fan di Bolan, ricercando le sue recensioni e interviste. Ed ho scoperto che Bolan non veniva quasi mai considerato un 'compositore'

Fonte: U2.com, U2place.com

Scritta da: Staff il 30/04/2020

Acrobat, in dreams begin responsibilities of U2 fan

u2-com-1 Gli U2 si sciolgono! Non vero.. nonostante quanto riportato dai Media, dopo il primo dei concerti di fine 89 di Point Depot che Bono ha dovuto correggere durante il leggendario concerto di Capodanno, pronunciando: Ho cercato di spiegarlo l'altra sera, ma forse sono stato un po' frainteso, si tratta solo della fine di qualcosa per gli U2, per questo che stiamo facendo questi concerti, dobbiamo andarcene e sognare tutto di nuovo. Caler un anno e mezzo di lunghissimo silenzio attorno alla nostra band, il mondo in Europa sta cambiando e sta facendo ulteriori passi verso quello che diventer qualche anno dopo. La nuova casa per la nostra band, sono gli Hansa Studios a Berlino! Per molti anni all'ombra del Muro, a due passi dal centro di Berlino Est, Edge, Larry, Bono e Adam hanno lavorato instancabilmente a scrivere e incidere nuove canzoni, attraverso ispirazioni completamente diverse. Sedici ore al giorno assieme a Daniel Lanois nel famoso Studio 2. Sono arrivati su uno degli ultimi voli per l'ex Germania Ovest, giusto in tempo per andare in giro per la citt con decine di migliaia di altre persone, durante il Giorno della Liberazione e Riunificazione. Il Muro non c'era gi pi, ma la band ha scelto di alloggiare in una casa d'affitto di ex propriet della Germania Est, gi residenza di molti politici del blocco orientale, tra cui Leonid Breznev. Matthias Hartt manager di studio degli Hansa, 'Lo Studio 2 ha una sonorit unica, perfetto per loro perch enorme e va bene per suonare dal vivo. Gli U2 hanno un modo speciale di registrare. Cercano di spingersi sempre un passo pi avanti, elaborano in continuazione. Sar un album strepitoso! ' img_5793 Anno 1991, di seguito alcuni frammenti dell'epoca, che servono per descrivere il contesto che vivevano gli U2: Edge: Abbiamo viaggiato molto durante la lavorazione di Achtung Baby, spesso con qualcuno che ci seguiva con un Super-8, riprese queste che potrebbero diventare dei video-clip. Quando stai in Studio per tanto tempo, entri in un rapporto talmente stretto con quello che stai registrando che cominci a non vederlo pi dal fuori. 1991: Gli U2 sono la prima band ad essere stata invitata a vendere i propri dischi in Sud Africa, dopo un recente chiarimento sulla politica delle Nazioni Unite, circa il boicottaggio culturale del paese. L'evento segue un accordo senza precedenti, in base al quale il ricavato della vendita in Sud Africa di Achtung Baby e degli altri album degli U2, sar interamente devoluto alle organizzazioni di musicisti anti-Apartheid. Bono: facevo la spola con il sud della Francia, mi stavo innamorando di quella regione e cercavo una casa dove vivere. Ali era nuovamente incinta e la nostra seconda figlia nacque durante la realizzazione di Achtung Baby nel luglio 1991. Ha visto la luce il settimo minuto della settima ora del settimo giorno del settimo mese, perch l'abbiamo chiamata Eve, ossia le tre lettere centrali della parola 'seven'. Paul: giravano alcuni detti tipici degli U2. Me ne ricordo uno in particolare 'la vita domestica nemica del rock&roll'. Com' possibile suonare un grandioso assolo di chitarra se dopo si va a prendere i bambini a scuola o a fare la spesa? 1991: E' ufficiale, Achtung Baby un album sexy, cos sexy che la band ha avuto la bizzarra idea di invitare la sessuologa pi famosa del mondo, la dottoressa Ruth, a prestare la sua voce per incidere la pubblicit americana del disco, cosa che l'interessata stata ben felice di fare. Gli U2 si prendono gioco di s Larry: da parte mia ero un po' preoccupato per l'uso eccessivo di batterie elettroniche, sentivo che il mio apporto al gruppo ne veniva sminuito. Ma le tensioni erano cominciate gi prima di partire per Berlino. u2-com-3 My Bloody Valentine, Sonic Youth,  Young Gods, Roy Orbison, era la musica che ascoltavano gli U2 in quel periodo, The Edge soprattutto era interessato al sound duro, al metal veloce che andava in quel periodo. Andava in discoteca, per la prima volta era interessato ai bpm del sound. La band veniva da un successo commerciale importante come Rattle&Hum, ma la loro tendenza era quella di buttare ogni ambito conosciuto per affrontarne di nuovi Bono: Daniel Lanois ebbe un sacco di problemi con Acrobat, lui voleva far risaltare i nostri punti forti, io invece i nostri punti deboli. Con il senno di poi ammetto che non tutti gli esperimenti riuscirono. Per gli autori doveva essere una canzone lenta, ma Edge regol verso l'alto ogni dettaglio della chitarra. Il drumming di Larry contribu ad aumentare il senso di urgenza della canzone, aiutato dal dinamico basso di Adam. Il testo rende speciale Acrobat, si respira esperienza ed autoconsapevolezza, 'don't let the bastards grind you down' secondo Gavin Friday una frecciata all'indirizzo della stampa e deve essere un motto, rifugio per noi fan. Bono: pi ci penso e pi mi rendo conto che all'opera c'era un incredibile trio, Eno, Lanois e Flood. Nessuno ha una sensibilit pi penetrante di Danny, lui sa capire se suona vera, se credibile e se tocca i cuori. Eno anche se pretende che la musica raggiunga il suo cuore, ha la testa per criticare severamente qualsiasi idea, mentre Flood era come Scottie nell'Enterprise, impegnato a trasportarci nella giusta galassia. Invecchiando si cambia idea sui buoni ed i cattivi. Dagli anni ottanta ai novanta ho smesso di tirare sassi ai simboli pi ovvi del potere e dell'abuso. Ho iniziato a tirare pietre alla mia ipocrisia, ho lavorato sull'ammissione dell'ego. Personaggi come The Fly riconoscono l'ipocrisia che c' in fondo a loro cuore, la duplice natura dell'uomo. In Acrobat c' il verso: "don't believe what you hear, don't believe what you see, if you just close your eyes, you can feel the enemy". E' il punto esatto che si comincia a vedere il mondo con occhi diversi, a sentirsi parte del problema, non della soluzione! Acrobat Live The Edge: una volta ho detto a Bob Dylan, 'la gente suoner le tue canzoni per migliaia di anni' e lui mi rispose, 'ascolteranno anche le vostre di canzoni, solo che nessuno sapr suonarle', compresi noi, aggiunsi io. Acrobat non mai diventato uno dei nostri pezzi forti dal vivo, forse perch non credo che la gente venga a sentire gli U2 per ascoltare questo genere di canzoni, ma a me piace tanto. Per arrivare a sentire Acrobat live, abbiamo dovuto attendere l'EiTour, l'esordio attesissimo stato a Tulsa, prima data del Tour il 2 maggio 2018 ed stata suonata in ognuno dei 59 concerti di quell'anno. Introdotta da McPhisto, di cui parleremo a brevissimo e nel dettaglio, che parla sull'inconfondibile base di Edge. You can feel the enemyyyy il comando che fa scatenare Larry ed Adam, strepitosi nell'incalzare la chitarra di Edge, che poi si lascia andare in uno dei suoi celebri assoli. Sono quattro minuti di evasione totale, in volo con la musica degli U2. Bono: Acrobat una delle canzoni degli U2 che preferisco, anche se non mai decollata come avevo sperato. E' una canzone che parla della malinconia, dell'ipocrisia, dell'abilit nel cambiare forma e assumere, come un camaleonte, il colore dell'ambiente in cui ci troviamo. "I must be an acrobat, to talk like this and act like that" Cari fan giunta l'ora, buttiamo gi i muri di casa, liberiamo la potenza della musica degli U2 e di Acrobat!
Don't believe what you hear Don't believe what you see If you just close your eyes You can feel the enemy When I first met you girl You had fire in your soul What happened your face Of melting in snow Now it looks like this
And you can swallow Or you can spit You can throw it up Or choke on it And you can dream So dream out loud You know that your time is coming 'round So don't let the bastards grind you down
No, nothing makes sense Nothing seems to fit I know you'd hit out If you only knew who to hit And I'd join the movement If there was one I could believe in Yeah I'd break bread and wine If there was a church I could receive in 'Cause I need it now
To take a cup To fill it up To drink it slow I can't let you go I must be an acrobat To talk like this And act like that And you can dream So dream out loud And don't let the bastards grind you down
Oh, it hurts baby (What are we going to do now it's all been said) (No new ideas in the house and every book has been read)
And I must be an acrobat To talk like this And act like that And you can dream So dream out loud And you can find Your own way out You can build And I can will And you can call I can't wait until You can stash And you can seize In dreams begin Responsibilities And I can love And I can love And I know that the tide is turning 'round So don't let the bastards grind you down
mark-kavanaghInstagram Mark Kavanagh u2-com-2foto U2.com FONTI: U2byU2, Niall Stokes e varie ricerche web

Scritta da: Staff il 23/04/2020

Let Your Love Be Known: in anteprima oggi il singolo di Bono con Zucchero

Oggi, in occasione dell'Earth Day, verr presentatoda Zucchero il brano "Let Your Love Be Known" in versione italiana, che Bono ha scritto per i fan italiani a marzo. Il brano stato ripreso da Zucchero che ieri ha cantanto al Colosseo di Roma vuoto. Zucchero ha collaborato con Bono in queste settimane per riarrangiare il singolo. Bono ha partecipato in questa versione con i cori. Seguiranno aggiornamenti. UPDATE!
Visualizza questo post su Instagram

Zucchero canta Bono Vox Questa notte, mercoled 22 aprile, in occasione del 50 Anniversario della Giornata Mondiale della Terra (Earth Day), Zucchero in una Piazza Colosseo deserta a ROMA ha eseguito per la prima volta in assoluto linedito ed emozionante brano CANTA LA VITA, tratto da Let Your Love Be Known di Bono Vox con il testo in italiano a firma di Zucchero. Canta la vita lennesima conferma di un sodalizio artistico che lega Zucchero e Bono da molti anni. In un periodo cos complesso come quello che stiamo attraversando, questa canzone un messaggio positivo di speranza e conforto per tutti. Un inno alla Vita. Unesibizione unica in cui, nellinciso finale, le voci di entrambi gli artisti si fondono e uniscono, per lanciare un messaggio mondiale di grande unione. Questa canzone nata nella fase iniziale dellemergenza racconta ZUCCHERO Quando ho sentito Bono, eravamo entrambi molto scossi dalla drammaticit del momento che il Nord Italia stava vivendo. Per quello che ci ha colpito stata la reazione delle persone, vederle e sentirle sui balconi cantare. Quindi ci siamo detti che avremmo dovuto fare qualcosa per sottolineare che il canto una grande forma di resistenza. In un dramma come quello che stiamo vivendo, attraverso il canto si pu essere pi vicini, si pu reagire insieme, in tutte le parti del mondo. La musica, attraversa i muri ed accorcia le distanze. English version in the first comment. #CantaLaVita #LetYourLoveBeKnown #OnePeopleOnePlanet #Earthrise #CosaHoImparato #EarthDay2020 #iocitengo #VillaggioperlaTerra #focolaremedia #Bono #BonoVox #U2 @u2 @earthdayitalia @focolare_official

Un post condiviso da Zucchero Sugar Fornaciari (@zuccherosugar) in data:

Scritta da: Staff il 22/04/2020

La musica degli U2 A Sort of Homecoming

30094480

Siamo nel 1984, gli U2 a fine novembre 83 terminano il fantastico War Tour in Giappone, dove non avevano mai suonato.
Da qualche mese la band ritiene di essere giunta al capolinea di una fase del loro viaggio. La struttura organizzativa degli U2 si stava ampliando, stava nascendo la Principle Management che prevedeva oltre a Paul McGuinness, Dennis Sheehan, Joe O'Herlihy, Steve Iredale, anche Anne Louise Kelly come segretaria personale che in pochi anni divent indispensabile e molto influente all'interno del Consiglio degli U2.

La band i primi mesi del 1984 era formata da giovanotti.
Edge: la mia vita era molto diversa da quella degli altri. Aislinn e io abitavamo a Monkstown. Poi lei rimase incinta. Mi ricordo quando informai gli altri della band di questo avvenimento importantissimo. Non fu facile e la notizia rese un po' tesi i notri rapporti per qualche tempo. Non era prevista dalla sceneggiatura e gli altri probabilmente pensarono che il loro futuro fosse messo in dubbio.

Larry: vivevo ancora a casa con i miei. Non volevo comprare una casa e accendere un mutuo, in fondo pensavo che la cosa potesse anche non durare per sempre. Non ero in condizione di poter andare ad abitare con Ann. Sentivo che per il momento potevo rimanere a casa, non mi ci trovavo male e comunque non c'ero quasi mai. Eravamo solo io e mio padre. Fu in quel periodo che cominciai ad essere chiamato Larry Mullen Jr. Mio padre aveva ricevuto una cartella delle tasse, secondo la quale doveva seicento sterline per gli introiti di un trimestre. Fece molta fatica a risalire al motivo, finch mi disse: dobbiamo cambiare qualcosa, devi diventare Larry J Mullen o Laucence J Mullen. Cos decisi di aggiungere Junior affinch mio padre non dovesse continuare a ricevere le mie cartelle delle tasse.

Adam: in quel periodo ci comprammo le nostre prime case, io ne acquistai una piuttosto piccola a Rathgar, dove vissi con la mia ragazza Sheila Roche, per circa due anni. Lei lavorava nella Principle Management, la casa non era niente di speciale ma era fantastico avere un posto tutto mio, dove poter dormire fino a tardi senza che i miei avessero da ridire

Bono: Io ed Ali comprammo casa a Bray, una localit balneare stile vittoriano a sud di Dublino; non era proprio una casa ma una Martello Tower, una sorta di torretta costruita all'inizio del diciannovesimo secolo, con mura spesse due metri e nella parte alta della costruzione, in una struttura di vetro simile ad un faro, c'era la camera da letto. Al piano terra la cucina ed era straordinario vivere in un posto simile. Anche le prove della band si trasferirono da Howth a Bray, diverse canzoni sono state create li, Pride, Unforgettable Fire e A Sort of Homecoming

tumblr_njr97rlaum1r313cko1_1280dal sito moredarkthanshark, Eno, Lanois e gli U2, lavorano su A Sort of Homecoming

La nuova fase degli U2 doveva cominciare da qualcosa di nuovo. Volevano Brian Eno, all'inizio reticente, ma si rec a Dublino con Daniel Lanois, un tecnico del suono canadese con reputazione internazionale. Eno venne convinto dalla band che gli fece vedere il recente Under A Blood Red Sky, avevano approcci completamente diversi.
Scelsero Slane Castle per le registrazioni, Bono disse: aveva un suono splendido, avevamo in testa solo un unico pensiero, fare musica importante. Avevamo Eno come produttore, arriv con il tipico aspetto di un architetto anni 80, giacca in pelle e cravatta, sguardo penetrante e grande grande umilt. Si messo a nostra completa disposizione, un grande artista ed un grande stratega, aveva accettato di lavorare per quattro musicisti irlandesi alquanto impacciati. Al suo fianco Daniel Lanois ed insieme formavano una coppia da sballo.
Ogni grande rock band aveva frequentato la scuola d'arte, noi no, noi frequentammo Brian. Le sequenze arpeggianti che si ascoltano in Bad e poi in Joshua Tree erano sue. E' stato il catalizzatore del nostro modo di comporre, ci ha consentito di allontanarci dai colori primari del rock, per spingerci in un territorio sconosciuto. E' stato grandissimo.

Edge: anche noi fummo molto generosi con Brian, avevamo voglia di imparare e non eravamo gelosi del nostro suono. Ci buttammo anima e corpo. Una mattina entrammo in studio e scoprimmo che Brian e Dan avevano rallentato la base di A Sort of Homecoming, da quattro minuti e mezzo, la melodia divent di nove minuti e Bono and al microfono e improvvis il testo. Brian l'ascolt e disse, sapete cosa vi dico? E' finita cos, perfetta. e divenne Elvis Presley and America!

9c54cd23

Questo descritto era lo scenario che stavano vivendo gli U2 i primi mesi del 1984. Bono era diventato un lettore accanito, ogni occasione era buona per leggere, qualsiasi libro. Ebbe a dire una volta 'peccato che non abbia tenuto un diario, se riuscissi a ricordare cosa lessi, riuscirei a capire con molta pi facilit da dove provengono un sacco di canzoni'.
Bill Graham di HotPress, che ha conosciuto gli U2 pochissimi mesi dopo il famoso incontro nella cucina di Larry, regal a Bono una raccolta di opere di Paul Celan, un poeta ebreo di origini tedesco-rumene, nato nel 1920, poliglotta, padre repressivo e madre che lo avvicina alla letteratura. Una vita travagliata avendo vissuto in prima persona le deportazioni, scampando a diversi campi di lavoro, riuscito in ogni modo a cavarsela, anche lavorando in una clinica psichiatrica. Una vita in fuga anche dalle persecuzioni subite al termine della guerra nella sua citt Cernauti, negli anni 60 tra Vienna e la Francia riesce a mantenersi economicamente traducendo in quanto conosceva, inglese, francese, russo, italiano, ebraico, portoghese e rumeno. Uno scrittore che ha vissuto molto intensamente e che ha raccontato anche dal punto di vista spirituale quanto ha vissuto.
La scoperta delle sue opere si rivel molto importante per Bono, anche perch fece sorgere in lui nuovi dubbi e nuove domande di ordine spirituale, il misticismo di Celan divent ancora pi forte dal suo suicidio nel 1970, avvenuto gettandosi sulla Senna.

Poetry is a Sort of Homecoming, la frase di Celan folgora Bono, per lui sempre in giro per il mondo lontano da casa, la frase era speciale.
Molto spesso le canzoni degli U2 iniziano dal titolo, spiega Bono, che fissandosi una frase e portandosela in giro, cerca ovunque ispirazioni che a volte possono richiedere mesi. Il titolo viene annotato e la mente di Bono vola alla ricerca di ispirazioni e tutta A Sort of Homecoming scitta ruotando attorno al concetto principale del suo titolo.
Celebre la frase di Bono: gran parte della musica rock consiste in banali idee ben eseguite, mentre la maggior parte di quello che facciamo noi, sono idee molto interessanti malamente eseguite. Un uomo che negli anni '80 era precursore, come si capir successivamente.

A Sort of Homecoming brano di apertura di The Unforgettable Fire, il monumentale disco uscito il 1 ottobre 1984.
il nostrowe'recoming home and we'll be there with you! e noi speriamo di avervi fatto venire voglia di riascoltare il disco.



Il meraviglioso video di A Sort of Homecoming stato diretto da Barry Devlin, lo stesso che diriger la band, pochi anni dopo, a spasso per Las Vegas per I Still Haven't Found.
L'audio registrato durante il sound-check del concerto di Wembley del 14 novembre 84, dove successivamente Visconti ha aggiunto il sottofondo della folla ed lo stesso presente in Wide Awake in America. Durante il video si vedono immagini girate sul pullmann, che trasporta la band attraverso le citt dove suoneranno, Glasgow, Rotterdam, Londra, Bruxelles. Il video vera poesia per i fan.

Live la canzone stata suonata 112 volte, ha fatto il suo esordio nella mitica leg Under Australian Skies a Melbourne il 17 sett 84. Oltre al leggendario TheUnforgettable Fire Tour, stata suonata in poche date del Joshua Tree Tour, ripresa allo Slane nel 2001 ed infine miracolosamente riproposta in otto serate del trentennale di Joshua Tree Tour, tra cui il meraviglioso secondo concerto di Roma.

6001-e1473958703611

FONTI: U2byU2, U2gigs, La storia dietro ogni canzone degli U2 di Niall Stokes e varie ricerche web. Alcune foto sono Gettyimages

A SORT OF HOMECOMING

And you know it's time to go
Through the sleet and driving snow
Across the fields of mourning
Light in the distance

And you hunger for the time
Time to heal, desire, time
And your earth moves beneath
Your own dream landscape

Oh, oh, oh
On borderland we run

I'll be there
I'll be there
Tonight
A high road
A high road out from here

The city walls are all come down
The dust, a smoke screen all around
See faces ploughed like fields that once
Gave no resistance

And we live by the side of the road
On the side of a hill
As the valley explode
Dislocated, suffocated
The land grows weary of its own

Oh come away, oh come away, oh come away, I say I
Oh come away, come away, oh come, oh come away, I say I



Oh, oh, oh
On borderland we run
And still we run
We run and don't look back
I'll be there
I'll be there
Tonight
Tonight

I'll be there tonight, I believe
I'll be there so high
I'll be there tonight, tonight

Oh come away, I say, I say oh
Oh come away, I say

The wind will crack in winter time
This bomb-blast lightning waltz
No spoken words, just a scream

Oh
Oh

Tonight we'll build a bridge
Across the sea and land
See the sky, the burning rain
She will die and live again
Tonight

And your heart beats so slow
Through the rain and fallen snow
Across the fields of mourning
Lights in the distance

Oh don't sorrow, no don't weep
For tonight, at last
I am coming home
I am coming home

Scritta da: Staff il 16/04/2020

12 aprile 1987, gli U2 girano il video di I Still Haven't Found What I'm Looking For

1Shooting dietro le quinte, tweet U2.com

Siamo al 12 aprile 1987, il disco Joshua Tree uscito da poco pi di un mese, il Tour iniziato il 2 aprile da Tempe, ha toccato finora solo le citt di Tucson, Houston e Las Cruces in New Mexico.

Facciamo un piccolo passo indietro, come nata I Still Haven't Found What I'm Looking For.
Adam: la canzone era nata come qualcosa di totalmente diverso, una jam chiamata per qualche misterioso motivo "Under The Weather Girls", una specie di groove di una sola nota, ma con una gran bella parte di batteria. La tenemmo e poi arriv questa melodia completamente nuova e tutta la musica si cambi per adattarsi a quella melodia. Era un rhythm and blues tradizionale, una cosa che non avevamo mai fatto prima, ma fu molto divertente
Larry: la canzone non era complicata come la maggior parte delle altre, pur avendo dei passaggi difficili, ma sapevamo sarebbe diventata un nostro trofeo. Dan Lanois era molto concentrato sulla parte ritmica e riusc a dare un senso alla mia strana sequenza della batteria. Mi incoraggi molto a continuare a lavorarci sopra. Fin nel mixaggio tenendo solo parte di tutta la mia parte, cos divent ancora pi inusuale. La genialit musicale di Lanois, caratterizza tutto il disco
Edge: era una jam piuttosto interessante, uno strano ritmo di base di Adam e Larry. Non ne ero molto convinto, mi suonava male, poi per Lanois e Flood se ne vennero fuori con questo grandioso mixaggio e fummo pronti perch Bonocercasse di trovare una linea melodica di prima qualit. I Still Haven't Found uno di quei momenti la cui realizzazione arriva quando avverti l'aria vibrare di elettricit. Bono continuava a cantarci sopra, cercammo di direzionarlo fino a che centr questa fantastica melodia che usciva dalla classica tradizione del soul. Mentre lo ascoltavo emergere dalla nebbia, ricordai una cosa che avevo annotato su un taccuino, una possibile canzone, la provai nella mia testa mentre Bono cantava per conto suo e la scansione corrispondeva cos alla perfezione che la scrissi su un pezzo di carta e glielo passai. Fu un momento di grande intimit.
Da quel momento in poi la facevamo ascoltare a chiunque venisse a trovarci in Studio e ci convincemmo che avevamo un gran pezzo. Devo riconoscere a Bono di aver individuato la frase di chitarra pi efficace. Un giorno, in mezzo a tutta l'altra roba che stavo provando, sent un paio di note che secondo lui andavano bene. Poi al mixaggio finale ci misero mani tutti, ma la vera versione finale fu realizzata nel mio studio di registrazione domestico. Danny Lanois ed io, al banco di mixaggio, abbiamo lavorato su un precedente mixaggio di Steve Lillywhite. Avevamo l'abitudine poco ortodossa di mixare su di un mix gi esistente, aggiungendo altri ingredienti sopra.

tmcThomas And Mack Arena di Las Vegas

Torniamo al 12 aprile 1987, Las Vegas, solo 9mila biglietti venduti alla Thomas and Mack Arena, esordio in citt e unica data di tutto il Joshua Tree Tour a non andare sold out. Fu ovviamente un concerto strepitoso con questa scaletta: Where The Streets Have No Name, I Still Haven't Found What I'm Looking For, I Will Follow, Bullet The Blue Sky, Running To Stand Still, MLK, The Unforgettable Fire, Sunday Bloody Sunday, Exit, In God's Country, Gloria, Bad, October, With or Without You, New Year's Day, Pride encore(s) Trip Through Your Wires, People Get Ready, 40.

58ae3856105366afae3a9bc898b6ab1d

L'idea del regista Derry Bavlin, era di girare un video di I Still Haven't Found e se lo immaginava cos: La canzone una confessione aperta del modo in cui qualcuno sente come sta andando la propria vita. Andiamo a girare il video della canzone pi sincera, nella citt meno sincera. Avevamo pochi soldi a disposizione, avevo solo due luci, ma Las Vegas ha il pi grande budget di spesa per l'illuminazione del mondo. Ho convinto la band a concedermi un p del loro tempo dopo il concerto. Avevo il problema di portarli di nascosto in citt, per non essere sopraffatti in Fremont Street ed ho voluto seguire un mio sogno di sempre: al termine del concerto c'erano quattro sosia vestiti come gli U2, saliti sulle limousine e seguiti da migliaia di fan, mentre i veri U2 arrivarono in Fremont Street dentro un furgone della lavanderia! McGuinness non capiva, mi considerava un pazzo, mi ha concesso 2h30m..
Avevo solo un carrello della spesa per l'audio, una sedia con le ruote per la steadycam ed avevo dato indicazioni alla band di camminare ed interagire con i passanti. Edge doveva camminare allontanandosi da Bono ed stato molto divertente vedere Edge ignorarlo.
Ci che rende il video particolare, sono state le interazioni di Bono, con gente che era genuina nei gesti, non erano dei fan, non ci sono atteggiamenti precostituiti e tutto il video stato registrato in una volta sola.
Larry protest chiedendo cosa dovesse fare, visto che non c'era nemmeno un tamburo e assieme ad Adam se ne and via subito.



Il video stato in nomination in quattro categorie MTV Award, mostrando Las Vegas al mondo, diventando una delle clip video pi iconiche degli U2.
Quindici giorni dopo, gli U2 erano sulla copertina di Time, niente sarebbe stato come prima, il Joshua Tree Tour stava diventando un'onda d'urto, il lampo di notoriet mondiale stava arrivando in quelle immediate settimane, la sera del 12 aprile 1987 forse stato l'ultimo scorcio prima di diventare fenomeni mondiali senza ritorno.

Tutta la Community di U2place augura una serena Pasqua a tutti i fan U2 ed alle loro famiglie.

u2-vegas-strip

FONTI: articolo ReveiewJournal, U2byU2 e varie ricerche web

2

u2-america

cxknvksxcaukxmv

Scritta da: Staff il 11/04/2020

God Part II - U2 following Lennon

r-1927242-1433405462-8499-jpeg

Bono sul grandissimo John Lennon: il mio cantautore preferito, adoro la semplicit della canzone. Il mio rispetto per John che non aveva solo il pensiero, lui ha dato seguito alle parole. [...]e adoro il cartellone di Imagine fisso a Time Squares, sembra che dica di continuo alla gente: immagina che le cose non debbano essere come sono.

God is a concept
By which we measure
Our pain
I'll say it again
God is a concept
By which we measure
Our pain

Queste le prime parole di God, brano di John Lennon del 1970, composto a Los Angeles durante il periodo di psicanalisi 'innovativa' cui si sottoponeva il cantante. Il testo all'uscita della canzone dest moltissimo scalpore, erano altri anni, in quel momento storico la societ era completamente diversa, si stavano scoprendo limiti fino ad allora sconosciuti.
Il testo di God suddivisibile in tre parti, la prima una definizione di Dio immaginata da Lennon, descritto come un concetto attraverso il quale noi misuriamo il grado di dolore. La seconda parte una lunga lista di miti generazionali a cui John non crede pi, mentre il testo si conclude con gli auspici dell'autore, per il quale "il sogno finito, parlo dell'intera generazione, finita e dobbiamo tornare alla realt" e quindi viene raccontato il cambiamento, la rinascita che ha vissuto Lennon stesso. I just believe in me, in Yoko Ono and me.

Siamo nel 1988, esce The Lives of John Lennon di Albert Goldman. Un libro che dopo aver raccolto tantissime testimonianze di amici, conoscenti e musicisti, sinteticamente distrugge le vite private di John Lennon e della moglie Yoko Ono. In un'intervista di Castaldo di fine 88, Goldman parla del suo libro, racconta di come ha raccolto oltre 1200 interviste realizzate in tutto il mondo, Giappone, Liverpool, Los Angeles, Australia, entrando in empatia con Lennon che gli appare crudele fin dall'infanzia, terribilmente violento, molto poco affettuoso e simpatico con gli altri ed un grande narcisista

In altra parte del mondo, gli U2 stanno attraversando un periodo incredibilmente intenso. Il successo planetario del leggendario disco The Joshua Tree, accompagnato dal tour che ha incendiato l'Europa e due volte il continente americano nel 1987, ha messo loro in una condizione di essere la rockband pi cercata, pi menzionata. Un momento cos tanto intenso da rischiare di travolgere la nostra band, che si trova nel bel mezzo di un progetto docu-film live, che si intromette nella vita di tutti i componenti, anche in modo estremamente invasivo.
Bono "cerchi di dare un senso a tutta la follia che ti circonda, prima eravamo in pochi adesso siamo centinaia di persone in ballo e tutte sembrano volere un pezzetto di te. I media vogliono un pezzo di te, i fans vogliono un pezzo di te. La tua famiglia ha diritto ad avere un pezzo che tu non puoi darle. Poi si aggiunge la brillante idea di qualcuno, di tirare fuori un cazzo di film, tu pensi possa essere una catastrofe, ci sono un sacco di soldi in ballo e puoi esercitare un piccolo controllo sulla situazione. Ti ritrovi con le riprese ovunque, perfino a Washington DC, dopo esserti lussato una spalla per una caduta, ti ritrovi nell'ambulanza con Phil Joanou e la sua telecamera a riprenderti. Gli dici: che cazzo ci fai con me nell'ambulanza? e lui ti risponde: me l'hai detto tu di fare un documentario, no?.Non puoi lamentarti perch ti senti rispondere che sei un bastardo ingrato, hai soldi, successo, donne, limousine, champagne ovunque vai, di cosa ti lamenti?

Lo sfogo di Bono continua parlando di come oramai capisce Elvis che si rintanato a Graceland e spiega come cerca di immedesimarsi nei Beatles ed in John Lennon

Sempre Bono: ecco perch abbiamo deciso di aprire Rattle & Hum con Helter Skelter. Poi di colpo arriva Albert Goldman che ha deciso di fare a pezzi John Lennon, Gi aveva fatto sentire Elvis come l'idiota del rock&roll, ora ci riprova con John? Cazzo ne sa lui? Quel libro stato un miserabile fallimento, perch Lennon ci aveva gi raccontato tutto di se. Aveva descritto i suoi vizi, i suoi esaurimenti nervosi, la sua incontinenza verbale, un libro superfluo. Pensai: Lennon non pu controbattere, cos lo far io!
Con Jimmy Iovine che lo conosceva avendo lavorato per la Plastic Ono Band, decidiamo un sequel di una loro canzone, la chiamiamo God Part II, una bella presa in giro ad Hollywood, un pretesto per scaricare un bel po' di bile. Ci mettiamo ancora una volta a nudo e confessiamo un bel po' di cose nostre, evidenzi il tuo lato oscuro, ma ci divertiamo tanto.

Sempre Bono descrive il sound della canzone, dei loop della batteria, del basso e della chitarra, una sorta di evoluzione di Joshua Tree.

Ancora Bono: colgo occasione per essere io stesso un po' Lennon, cercando di racchiudere tutta la verit all'interno della frase: I Believe in Love. Lo faccio!
Incontro Yoko Ono e mi dice: bella la cover che avete fatto del brano di John. Una cover???? per fortuna non mi chiede le royalty...
Ripensandoci non mi accalora molto God Part II, il cantato troppo rabbioso. Non sar per la cosa migliore che abbiamo fatto, ma era necessaria, servita a qualcosa e qualsiasi cosa ti aiuti a superare la notte, va bene!







U2 - GOD PART II

Don't believe the devil
I don't believe his book
But the truth is not the same
Without the lies he made up
Don't believe in excess
Success is to give
Don't believe in riches
But you should see where I live
I, I believe in love
Don't believe in forced entry
Don't believe in rape
But every time she passes by
Wild thoughts escape
I don't believe in death row
Skid row or the gangs
Don't believe in the Uzi
It just went off in my hand
I, I believe in love
Don't believe in cocaine
Got a speed-ball in my head
I could cut and crack you open
Do you hear what I said
Don't believe them when they tell me
There ain't no cure
The rich stay healthy
While the sick stay poor
I, I believe in love
Don't believe in Goldman
His type like a curse
Instant karma's going to get him
If I don't get him first
Don't believe that rock 'n' roll
Can really change the world
As it spins in revolution
It spirals and turns
I, I believe in love
Don't believe in the 60's
The golden age of pop
You glorify the past
When the future dries up
Heard a singer on the radio
late last night
He says he's gonna kick the darkness
'Til it bleeds daylight
I, I believe in love
Love
Love
Love
Love
I feel like I'm falling
Like I'm spinning on a wheel
It always stops beside of me
With a presence I can feel
I, I believe in love
Stop
JOHN LENNON - GOD

God is a concept
By which we measure
Our pain
I'll say it again
God is a concept
By which we measure
Our pain
I don't believe in magic

I don't believe in I-Ching

I don't believe in Bible

I don't believe in tarot

I don't believe in Hitler

I don't believe in Jesus

I don't believe in Kennedy

I don't believe in Buddha

I don't believe in mantra

I don't believe in Gita

I don't believe in yoga

I don't believe in kings

I don't believe in Elvis

I don't believe in Zimmerman

I don't believe in Beatles

I just believe in me

Yoko and me

And that's reality

The dream is over

What can I say?

The dream is over

Yesterday

I was the dream weaver

But now I'm reborn

I was the Walrus

But now I'm John

And so dear friends

You just have to carry on

The dream is over

 



God di John Lennon con riprese molto commoventi del suo funerale.



Curiosit Live di God Part II:
Suonata in tutto 36 volte, tutte nel meraviglioso Lovetown Tour. Prima volta a Perth il 21 settembre 89 e ultimissima il 9 gennaio 1990 a Rotterdam. Ripresa una sola volta snippet su With or Without You, negli encore(s) del concerto di Vancouver del 23 aprile 92, durante lo ZooTv.
La canzone inserita in Rattle&Hum, non singolo ma un discretamente raro promo distribuito alle radio.

FONTI: La storia dietri ogni canzone degli U2 di Niall Stokes e varie ricerche web
Segnaliamo questo articolo per un'analisi pi approfondita dell'aspetto religioso

john_lennon_god-112935

Scritta da: Staff il 03/04/2020

***Pesce d'Aprile*** Gli U2 torneranno in tour tra un mese?

193900539-57585cea-4965-48de-9714-708d7fe2b781


La notizia di poche ore fa: gli U2 torneranno in tour nel 2020!


Come sempre la nostra band dimostra di essere attiva e sensibile ai problemi della societ e per venire incontro ai propri fan, gli U2 hanno deciso, a sorpresa, di tornare in tour proprio quest'anno.
Molti di voi si staranno chiedendo come sia possibile che in questo momento storico qualcuno programmi un tour? E' qui che invece gli U2 dimostrano ancora una volta di essere sempre all'avanguardia.

Il tour inizier il 10 maggio, giorno del sessantesimo compleanno di Bono e sar tutto completamente in streaming!
Si avete capito bene, la band di esibir live ognuno dalla propria abitazione (a causa del distanziamento sociale) ed ogni show verr trasmesso in streaming su U2.com.

Per far sentire ogni fan vicino alla band verr recapitata ad ogni iscritto ad U2.com, una transenna della Chicco (vedi prototipo sotto) da posizionare nel proprio salotto tra la TV ed il divano. In questo modo ogni fan si sentir vicino alla band come in un vero live e permetter una gestione delle code perfettamente in linea con la social distancing.
Verr recapitato inoltre un braccialetto con stampato il numero 1, per regalare a tutti l'emozione di essere finalmente il primo della fila, mentre isottoscrittori italiani pi anziani, riceveranno la litografia ufficiale con il Modulo per l'Autocertificazione autografato dalla nostra band.

Saranno previste diverse date e gli U2 suoneranno sempre dalla stessa location:
1. The Edge's bedroom
2. Adam's Boudoir
3. Larry's Kitchen
4. Bono's Dining Room

Ci sono anche delle anticipazioni circa le canzoni gi provate con insistenza:
Stranger in a Strange Land
I Threw a Brick Through a Window
One
So Cruel
No Line on The Horizon
Lights of Home
Another Time Another Place
This Is Where You Can Reach Me Now

Bono ha propostoExit e Gone, ma Adam dal giardino lo ha mandato a quel paese e Larry ha inveito brutalmente con Edgeche aveva idee nuove per l'assolo diPromenade.
Tutta la band invece ha deciso di non prendere in considerazione A Sort of Homecoming. Una sorta di rigetto.

A partire dal 10 maggio 2020 fino al 20 maggio 2020 la band si esibir ogni sera in quello che con tutta probabilit si chiamer FuckTheVirus Tour 2020.

Siete pronti?

7681b30f-1af6-4052-a6e4-542c64b86fb4

U2place, tutta la sua Community ed i fan italiani, sono vicini a quanti stanno soffrendo.
Stiamo affrontando tutti una sfida che ci sta mettendo alla prova, restiamo a casa e restiamo uniti. Noi stiamo solo cercando di comportarci in linea con la nostra tradizione del 1 aprile, di provare a regalare un sorriso, forse scontato, ma sincero. Un caro abbraccio a tutti voi ed ai vostri cari.

Scritta da: Staff il 01/04/2020

The Wanderer - Johnny Cash on the Moon

18802324364_9aaec2a2c5_z

Bono: ho avuto molte figure paterne nella mia vita, la lista sarebbe lunghissima, ma sicuramente ai primi posti ci sarebbe Johnny Cash, per il quale abbiamo scritto una canzone e lo abbiamo anche convinto a venire a cantarla con noi, come pezzo di chiusura di Zooropa.

The Wanderer, canzone conclusiva dell'album Zooropa uscito il 5 luglio 1993, una delle pochissime a non essere cantata da Paul, ma da Johnny Cash, leggendario cantante americano la cui calda voce, si culla sulla base del basso sincopato. Solo Edge si sente per tutta la durata della canzone, con la sua seconda voce. Piccola curiosit, al termine del brano, dopo circa 30 secondi presente una traccia fantasma, un cicalino che di fatto chiude il disco.
E' presente anche nella soundtrack del film di Wim Wenders 'Cos vicino, cos lontano', (che potrebbe essere un refrain di molti di noi che stiamo vivendo questa quarantena).
Non mai stata suonata live, n dagli U2, n da Cash, ma solo proposta in una versione meravigliosa dagli U2, come omaggio ad una serata Tv americana, chiamataWalk the Line: A Night for Johnny Cash.

Ma quale era lo scenario che ha favorito questa canzone? cerchiamo di raccontarlo aiutandoci dalle poche testimonianze di cui siamo in possesso.

bba412454d6788b5fb74769b538e1736

Gli U2 e Johnny Cash! Nato nel 1932, trasferito a Memphis ed occupato a vendere elettrodomestici porta a porta, entra in contatto con la mitica Sun Records. Sublimi i quartetti improvvisati con Elvis Presley, Cash storia vera della musica americana, folk, country, gospel, rockabilly.
Siamo nei primi mesi del 1993, era qualche anno che non era pi sulla cresta dell'onda, era calato il silenzio sulla sua storia.

Gli U2 invece erano in pieno ZooTv Tour e stavano lavorando al loro ottavo album Zooropa. Bono cercava di chiudere la quadra su The Wanderer, una canzone il cui "testo stato scritto basandosi sul libro dell'Ecclesiaste dell'Antico Testamento, che in alcune traduzioni chiamato il Predicatore. E' la storia diuno spirito intellettuale vagabondo, il Predicatore vuole scoprire il significato della vita e cos prova un po' di tutto. Prova la conoscenza, si erudisce, legge tutti i libri, ma non basta. Prova a viaggiare, vede ogni posto possibile, ma non basta. Prova il vino, le donne e la musica, ma non basta. Tutto vanit, vanit delle vanit, che cerca di catturare il vento. Nel leggere questo libro viene da pensare: non vedo l'ora di sentire a cosa serve! ed il versetto pi straordinario "l'uomo non ha altra felicit, sotto il sole, che mangiare e bere e stare allegro. Sia questa la sua compagna nelle sue fatiche". E' bello amare quello che fai ed a Bono ha sempre colpito la luce dell'amore di Cash per l'arte e la musica.

Adam, sulla collaborazione con Cash, nel libro di Graeme Thomson, The Resurrection of Johnny Cash, ha detto: Bono aveva scritto questa canzone sentendo nel profondo dell'anima Cash. Anche il sound non c'entrava molto con la sua storia, Johnny la fece sua e ne conosceva la parte. Bono si sempre identificato con questi personaggi biblici, in qualche modo disadattati ed ho sempre pensato che Cash si fosse ambientato molto bene a quest'idea.
La figlia, Rosanne Cash nello stesso libro aggiunse: La collaborazione con gli U2, in particolare, per lui stata molto significativa. Era un'opportunit da non perdere per pap e ne era molto orgoglioso. Lo ha sicuramente aiutato ed stata una scelta musicale, i cui effetti li ha capiti ed apprezzati successivamente e per molto molto tempo.
Grazie a Bono ed agli U2, The Man in Black, Cash ha ritrovato la sua voce, la sua fede e l'amore per la canzone -secondo Graeme Thomson, - forse pi di ogni altra cosa accaduta in seguito. All'improvviso milioni di fan U2 si imbatterono in questa voce, la miglior voce a dare vita alle parole di Bono. Nessuno pu dire che The Wanderer ha cambiato la vita di Cash, ma fattost che successivamente ha rinnovato il suo senso nel suo lavoro.
Ringraziamo Bono, Edge, Adam e Larry per la seconda vita di Johnny. Scommetterei che senza questa collaborazione, non ci sarebbe stato Rick Rubin, nessuna canzone come Hurt. The Wanderer la canzone che ha fatto risorgere la carriera e l'eredit di Cash.


Successivamente Cash ha voluto omaggiare gli U2 con una splendida interpretazione di One, ma d'altronde, una voce come la sua si adatterebbe a qualsiasi gran pezzo.



The Wanderer suonata dagli U2 e registrata durante il soundcheck del 2 novembre a Los Angeles, in occasione del loro concerto per il Vertigo Tour. Qui l'IEM da ascoltare



 



FONTI: U2byU2 e varie ricerche web.

The Wanderer

I went out walking through the streets paved with gold
Lifted some stones
Saw the skin and bones
Of a city without a soul
I went out walking under an atomic sky
Where the ground won't turn
And the rain it burns
Like the tears when I said goodbye

Yeah I went with nothing
Nothing but the thought of you
I went wandering
I went drifting through the capitals of tin
Where men can't walk
Or freely talk
And sons turn their fathers in

I stopped outside a church house
Where the citizens like to sit
They say they want the kingdom
But they don't want God in it

Yeah I went with nothing
Nothing but the thought of you
I went wandering
I went drifting through the capitals of tin
Where men can't walk
Or freely talk
And sons turn their fathers in



I went out with nothing
Nothing but the thought of you
I went wandering
I went out walking
Down that winding road
Where no one's trusting no one
And conscience... a too heavy load
I went out riding, down that ol'eight lane
I passed by a thousand signs
Looking for my own name

Yeah I went with nothing
Nothing but the thought of you
I went wandering
I went drifting through the capitals of tin
Where men can't walk
Or freely talk
And sons turn their fathers in

I went with nothing
But the thought you'd be there, too
Looking for you
I went out there in search of experience
To taste and to touch and to feel's as much
As a man can before he repents
I went out searching, looking for one good man
A spirit who would not bend or break
Who could sit at his father's right hand
I went out walking with a bible and a gun
The word of God lay heavy on my heart
I was sure I was the one
Now Jesus, don't you wait up
Jesus, I'll be home soon
Yea I went out for the papers
Told her I'd be back by noon
Yeah I left with nothing
But the thought you'd be there too
Looking for you...
Yeah I left with nothing
Nothing but the thought of you...
I went wandering



il nostro omaggio al grande Johnny Cash!

Scritta da: Staff il 27/03/2020

40 (How Long)

u2_40howlong-466865

In questi giorni di quarantena, isolamento forzato, ognuno ha pi tempo per riflettere e per l'introspezione. Sono giorni nei quali da pi parti escono esortazioni religiose, noi fan U2 possiamo essere sollecitati attraverso lo studio dei testi di Bono ed abbiamo tempo e voglia per approfondire il periodo che ruota attorno alla canzone 40 (How Long)

Siamo verso la met del 1982, l'October Tour giungeva verso la fine, il successo aumentava ma il lavoro da fare era ancora tantissimo, soprattutto in studio anche per onorare e sfruttare il prezioso contratto con la Island Record. La strada da percorrere era aperta, spalancata, ma era impervia da scalare ed erano arrivati a dover assolutamente fare un altro salto in avanti.
Innanzitutto dovevano dotarsi di una struttura, l'ufficio era ancora la casa di McGuinness, non c'era una segreteria e gli unici tecnici fissi erano O'Herlihy e Iredale. Tutti e quattro vivevano ancora a casa con le famiglie, non c'erano tecnici preparati. Non c'era un Tour Manager! fu individuato Dennis Sheehan, ex tecnico dei Led Zeppelin. Sheehan era un perfezionista ed analizzava tutto, la sua organizzazione andava dalle prenotazioni delle suites, ai voli in prima classe, ai fiori freschi ed al servizio lavanderia quotidiano, perch ognuno dei membri doveva sentirsi come a casa, come in una bolla dove il mondo esterno raramente entrava.

C'era il terzo disco da pubblicare, il sound era stabilito ma c'erano diverse situazioni da superare.Paul ed Ali si sposarono il 21 agosto 82, tra i presenti non c'erano star, ma solo gli U2, i loro famigliari e amici. C'era il gruppo Shalom dal quale i membri U2 stavano prendendo posizioni differenti e potevano minare il rapporto tra i quattro. Larry aveva deciso di lasciarlo perch sentiva che si stavano prendendo troppo spazio, credeva infatti che esistesse un compromesso tra l'essere un musicista ed essere un cristiano. E poi c'era Edge, che era profondamente turbato da quanto stava vivendo. Si stava mettendo in discussione e le sue conclusioni erano arrivate alla drastica decisione di dover lasciare il rock e subito.
Al rientro dal viaggio di nozze in Jamaica di Bono, ne parl agli altri, la crisi dur una settimana intera, alla fine Edge si sforz e vinsero le emozioni, che si conciliarono con il raziocinio. Prese la chitarra ed in un pomeriggio rivers tutto in una canzone, una delle pi importanti della storia del rock, Sunday Bloody Sunday.

Wartermina con 40 (How Long), testo preso a piene mani dal Salmo 40 della Bibbia. La leggenda ci racconta che il processo di registrazione di War, fu estenuante, gli U2 erano arrivati all'ultimo giorno di sessione delle prove, erano le sei del mattino ed i Minor Detail erano pronti a subentrare ai nostri. Il disco era quasi completo, ma c'era la sensazione che mancasse ancora qualcosa. Adam era gi tornato a casa e Larry, Edge e Bono, in un momento di ispirazione, decisero di riprendere e rilanciare una canzone abbandonata. Ad Edge piaceva perch 'aveva un ottimo gancio di basso, ma un arrangiamento ingombrante, con molte sezioni e tempi strani, che non siamo riusciti a tradurre in canzone'

Lillywhite rimosse subito le parti disconnesse e con Adam assente, Edge scambi lo strumento e suon sia basso che chitarra. Alla ricerca dell'ispirazione lirica, Bono apr la Bibbia e trov il Salmo 40, sul quale bas le sue parole. Non appena registrate le voci, la canzone stata mixata e la band chiuse con i lavori per le sessioni di War.

La canzone diventata IL pezzo di chiusura per eccellenza dei concerti degli U2, quando Adam ed Edge si scambiano strumenti e posizione ed i componenti della band lasciano il palco progressivamente, prima Bono, poi Adam, poi Edge, fino al mitico assolo di Larry, solitamente durante il mitico coro. I fan U2 la vogliono esattamente cos!
Edge a definisce 'un monumento agli U2 creato in un istante', a Bono invece '40 mi piace tantissimo, grazie ad essa ho visto scene incredibili, spettacoli straordinari'


Questa probabilmente la 40 pi famosa, registrata in Under A Blood Red Sky, dalla data diSankt Goarshausen, in Germania 20 Agosto 1983

Alcune curiosit su 40 (How Long):

E' stata suonata live 410 volte full band e 100 volte snippet. La prima volta fu alla Caird Hall di Dundee, il 26 feb 1983.Il suo sound, associato a Theme For Harry's Game, dava quel tocco di caratteristica irlandesit ai finali di tutti i concerti del War Tour, dell'Unforgettable Fire Tour e del Joshua Tree Tour.
40 stata suonata rarissimamente tra il 1990 ed il 2005, solo snippet tra Bad e Where The Streets Have No Name durante l'Elevation Tour.
40 ha chiuso il gigantesco 360Tour a Moncton il 30 luglio 2011 ed stata ripresa al Forum di Los Angeles, quandoBono il 27 maggio 2015, il giorno della drammatica dipartita improvvisa di Dennis Sheehan, ha raccontato come fu il loro Tour Manager a Red Rocks, 6 giugno 83, a spronare la platea a cantare a squarciagola How Long To Sing This Song al termine della canzone.







Salmo 40

1Al direttore del coro. Di Davide. Salmo.
Ho pazientemente aspettato il SIGNORE,
ed egli si chinato su di me e ha ascoltato il mio grido.
2Mi ha tratto fuori da una fossa di perdizione,
dal pantano fangoso;
ha fatto posare i miei piedi sulla roccia,
ha reso sicuri i miei passi.
3Egli ha messo nella mia bocca un nuovo cantico
a lode del nostro Dio.
Molti vedranno questo e temeranno,
e confideranno nel SIGNORE.
4Beato l'uomo che ripone nel SIGNORE la sua fiducia,
e non si rivolge ai superbi n a chi segue la menzogna!
5O SIGNORE, Dio mio, hai moltiplicato i tuoi prodigi e i tuoi disegni in nostro favore;
nessuno simile a te.
Vorrei raccontarli e proclamarli,
ma sono troppi per essere contati.
6Tu non gradisci n sacrificio n offerta;
m'hai aperto gli orecchi.
Tu non domandi n olocausto n sacrificio per il peccato.
7Allora ho detto: Ecco, io vengo!
Sta scritto di me nel rotolo del libro.
8Dio mio, desidero fare la tua volont,
la tua legge dentro il mio cuore.
9Ho proclamato la tua giustizia nella grande assemblea;
ecco, io non tengo chiuse le mie labbra;
o SIGNORE, tu lo sai.
10Non ho tenuto nascosta la tua giustizia nel mio cuore;
ho raccontato la tua fedelt e la tua salvezza;
non ho celato la tua benevolenza
n la tua verit alla grande assemblea.
11Tu, o SIGNORE, non rifiutarmi la tua misericordia;
la tua bont e la tua verit mi custodiscano sempre!
12Poich mali innumerevoli mi circondano;
i miei peccati mi pesano
e non posso pi guardarli.
Sono pi numerosi dei capelli del mio capo
e il mio cuore vien meno!
13Liberami, o SIGNORE!
Affrttatiin mio aiuto!
14Siano delusi e umiliati
quelli che cercano l'anima mia per farla perire!
Si ritirino coperti di vergogna
quelli che si rallegrano delle mie sventure!
15Siano confusi per la loro infamia
quelli che mi deridono.
16Gioiscano e si rallegrino in te quelli che ti cercano;
quelli che amano la tua salvezza dicano sempre: Il SIGNORE grande!
17Io sono misero e povero,
ma il Signore ha cura di me.
Tu sei il mio aiuto e il mio liberatore;
o Dio mio, non tardare!


U2 40(How Long)

Iwaitedpatientlyfor the Lord
Heinclinedandheardmycry
Hebroughtme up out of thepit
Out of the mire andclay

Iwillsing,singa newsong
Iwillsing,singa newsong

How long tosingthissong
How long tosingthissong
How long,howlong,howlong
How long, tosingthissong

He setmyfeetupona rock
And mademyfootstepsfirm
Manywillsee
Manywillseeandfear

Iwillsing,singa newsong
Iwillsing,singa newsong

Iwillsing,singa newsong
Iwillsing,singa newsong

How long tosingthissong
How long tosingthissong
How long,howlong,howlong
How long, tosingthissong


40 (How Long) in War



Perch il disco si chiama War?Da Propaganda numero 6 - febbraio 1983:

6f65dcf1-e54d-44e5-a54e-5b7ca6ca02d0

image

Fonti: a piene mani The Unforgettable Fire di Eamon Dunphy, La Storia dietro ogni canzone di Niall Stokes ed il Salmo 40

Scritta da: Staff il 22/03/2020

Let Your Love Be Known! la canzone cantata da Bono e ispirata dagli italiani

img_5206

Stasera comparso sull'account instagram degli U2, un video di 4 minuti, con Bono a Dublino intento a cantare una canzone inedita,Let Your Love Be Known, ispirata dagli italiani, che in questo momento stanno lottando contro il coronavirus.
Per gli italiani che l'hanno ispirato, per gli irlandesi, per tutti quelli che trascorrono questo St Patrick's day in difficolt. Per i dottori, le infermiere, per tutti coloro in prima linea, stiamo cantando per voi.

Il testo della canzone, ancora abbozzata, il seguente:

I walk through the streets of Dublin and no one was near,
Yes, I dont know you
No I didnt think I didnt care
You live so very far away
Just across the square
You cant touch, but you can sing across rooftops
Sing on the phone
Sing and promise me you wont stop
Sing your love be known.

FONTE TESTO


Scritta da: Staff il 18/03/2020

11 O'Clock Tick Tock in vinile per il Record Store Day 2020

11oclockticktock_front_cover


Gli U2 pubblicheranno per il Record Store Day 2020, previsto per sabato 18 aprile 2020, la ristampa del singolo 11 O'Clock Tick Tock in vinile.

Si tratta di un'edizione blu trasparente a tiratura limitata.

11oclockticktock_back_cover

Scritta da: Rudy il 04/03/2020

Il DVD "Experience + Innocence Live In Berlin" UPDATE 30 MARZO

cattura

UPDATA 1 MARZO 2020

La mailing list di U2.com arrivata in queste ore, parla di dvd in spedizione da maggio e visione in streaming per tutti i sottoscrittori ad U2.com
Di seguito la mail ricevuta:

Something a bit special coming up in March, to mark Adams birthday.
Well be hosting the premiere of 'U2 eXPERIENCE + iNNOCENCE LIVE IN BERLIN and inviting all subscribers to join us for a live streaming party.
Our Zootopian team will be online to join in the conversation when everyone is invited to share their memories of the tour - photos, tweets, reviews, live chat as the entire show - all 142 minutes and 23 songs - happens all over again.
For those who can support it, streaming in stunning 4K UHD and 5.1 surround sound. (If thats not you, maybe you know someone who does someone who might even host a premiere viewing party.)
Well have some very collectable giveaways up for grabs during the premiere - and of course, it being a big weekend for our favourite bass man, well be inviting everyone to share their stories and photos of the one and only Adam Clayton.

Confirmation of timings on the premiere arriving this coming week.
Once weve aired the premiere, 'U2 eXPERIENCE + iNNOCENCE LIVE IN BERLIN will be available on demand for the duration of your annual subscription.
And in other news, for those - and we gather thats a lot of you - who prize the physical over the digital, dispatch of the DVD and the accompanying booklet of the show will begin in May.

 

E' di stasera l'annuncio del gift 2020 previsto per gli abbonati a U2.com
Sar l'intero concerto di Berlino del 13 novembre 2018, a comporre il dvd le 2h22m, diretto da Matt Askem. A completare la confezione anche un book con foto esclusive di McGrath, grafico di lunga data della band con la supervisione di Gavin Friday
Ricordiamo che quella sera era il recupero della data del 1 settembre, sospesa alla quinta canzone durante Beautiful Day, per problemi alla voce di Bono.

U2.com comunica che entro febbraio comunicheranno tutte le date di spedizione, ben sapendo di essere ancora in mezzo ad un mare, per quanto riguarda la disastrosa gestione della spedizione del gift 2019.

maxresdefault

Scritta da: Staff il 25/01/2020

©U2place.com Fans Club 1999-2016 - Creato da Rudy Urbinati
La community online più famosa e più importante in Italia sugli U2

Tutti i contenuti di U2place possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre U2place.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.U2place.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di U2place.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a u2place@gmail.com. U2place non � responsabile dei contenuti dei siti in collegamento, della qualità o correttezza dei dati forniti da terzi. Si riserva pertanto la facoltà di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume. Eventuali segnalazioni possono essere inviate a u2place@gmail.com