©U2place.com

U2place.com... a place where the wind calls your name...

Social Network

Entra a far parte di U2place.com, unisciti ai nostri Social Network!

Il forum

Entra a far parte di U2place.com Forum! La più grande community U2 al mondo è italiana!
Iscriviti gratuitamente al nostro forum.

Speciali

Vieni a scoprire tutte le rubriche, gli "specials" e le coreografie che U2place negli anni ha seguito e ideato!

U2place Mobile


Segui U2place anche in mobilità!

Joe O’Herlihy racconta il "suo" eXPERIENCE+iNNOCENCE tour

Tags: u2, tour, live, sound, joe o'herlihy, eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour 2018

Il mitico Joe O’Herlihy ci porta dietro le quinte dell'eXPERIENCE+iNNOCENCE tour, svelandoci tutte le diavolerie tecnologiche che utilizza per garantirci il miglior audio possibile durante i concerti! Tanti aspetti interessanti che gli appassionati sicuramente apprezzeranno! Ecco a voi la traduzione dell'intervista che il nostro Joe ha rilasciato a Pro Sound Network. Buona lettura!

7-p6-toc-u2-joe

(Joe al lavoro con la sua console DiGiCo SD7)

"Il mio primo show con gli U2 è stato alla fine del settembre del 1978", dice Joe O'Herlihy, sound director della band. Siamo sul palco un'ora prima che tocchi ai rocker irlandesi, ma mentre sono al Nassau Veterans Memorial Coliseum di Uniondale, New York, per un breve momento, O'Herlihy torna all'Arcadia Ballroom di Cork, quaranta anni fa. "Avevo lavorato con un chitarrista irlandese, Rory Gallagher, dal '73 al '78; In realtà avevo appena finito il mio periodo con lui e stavo per tornare a casa. Poi ho incontrato gli U2 circa tre settimane dopo e sono partito di nuovo! Il resto è storia."

I successivi quattro decenni hanno fornito gran parte degli argomenti per l'attuale avventura degli U2 nelle arene, che conclude un trittico di tour concettualmente ambiziosi anche per una band che punta regolarmente sull’epicità. Il tour mondiale Innocence + Experience di 76 show nel 2015 ha presentato uno spettacolo vagamente autobiografico che ha esaminato la vita degli U2 come adolescenti "innocenti" in una band. Poi il 2017 ha visto il gruppo tornare negli stadi per 51 show nel The Joshua Tree tour, che ha segnato il 30° anniversario dell’album omonimo (dal punto di vista concettuale, il momento in cui la band ha acquisito esperienza). Ora nel 2018 sostiene il progetto con il tour Experience and Innocence, che combatte dal punto di vista tematico con le insidie dell’esperienza.

7-p40-sr-u2-2-arena-copy

Se suona pesante, a volte lo è, ma non è pesante come l'enorme quantità di produzione che va nello spettacolo ogni sera. Ancora una volta, le esigenze audio della band vengono gestite da Clair Global. Il marchio visivo dello spettacolo, così come lo è stato per il tour 2015, è l'insolita scenografia che consente alla band di esibirsi su tutta la lunghezza dell’arena, dando a tutti i fan la possibilità di avere almeno per un momento il posto migliore. Da un lato il palco principale che conduce a una passerella che taglia longitudinalmente l’arena fino al palco circolare B all'altra estremità, soprannominato "il palco E" come "Esperienza". Sopra la passerella pende uno schermo massiccio a doppia faccia ( inizialmente chiamato "The Divider", ora soprannominato "The Barricage") che mostra i video a entrambe le metà dell’arena, anche se occasionalmente si dissolve o presenta i membri della band che si arrampicano all'interno di esso a metà canzone.

La sfida per O'Herlihy era quella di presentare il suono mentre la band si esibisce in varie posizioni per tutta la lunghezza della venue; la risposta era di creare un anello ovale di 12 Clair Cohesion CO-12 PA alternati sinistra-destra, appeso sopra il perimetro dell'arena, ciascuno supportato da otto blocchi di tre Subes CP-218 Cohesion che utilizzano il metodo cardioide per governare l’energia dei bassi nell'arena. "È un'immagine stereo che copre tutto l'edificio, quindi hai sempre un'immagine stereo, non importa dove ti trovi," dice O'Herlihy. "La bellezza di tutto ciò è che ogni cabinet è a meno di circa 20 metri dal pubblico in ascolto; è molto vicino, ma il sistema non è mai sotto stress, quindi la qualità dell'audio è del 1000 percento, semplicemente perché il sistema è focalizzato per una distribuzione specifica verso aree specifiche. Inoltre non diventa mai così forte; se lo dovesse fare, venite a prendermi a schiaffi."

bono-singing

"Per i fan del parterre ci sono 32 Cohesion CO-10 usati per la parte davanti al palco principale, alla passerella e all'E-stage, e nei palchi e nella passerella sono anche incorporati 18 CO-8 .” dice O’ Herlihy. "C'è sempre un altoparlante a un metro di distanza da te ", dice O'Herlihy."L'intensità del suo livello è sincronizzata automaticamente, quindi ti dà l'impressione del suono; se Bono è lì che canta, sta cantando verso di te. Penso che ciò che fa sia creare l'interattività, e per questa band è tutta una questione di comunicazione con il pubblico. Se non possono farlo, non raggiungono l’obiettivo; si tratta sempre di connettività. "

7-p40-sr-u2-4-adam-clayton-copy

Poiché il sistema è progettato per fornire un audio onnipresente, la postazione del fonico può essere posizionata praticamente ovunque nella venue, a condizione che sia relativamente equidistante tra due blocchi di CO-12. Di conseguenza, il fonico tende a essere un gradino più in alto tra il pubblico, permettendo a O' Herlihy di ascoltare ciò che la folla sente e anche ottenere una necessaria visione “a volo d'uccello” di uno spettacolo che attraversa tutta la lunghezza dell’arena. Al centro dell'area dei fonici c'è una console DiGiCo SD7, una delle otto del tour, tutte a 96k. Mentre O'Herlihy non ha problemi con emulazioni e plug-in, sceglie di utilizzare due rack pieni di Manley VoxBox, Avalon VT-737s, Summit Audio DCL200 e altre unità vintage di TC Electronic, Yamaha, Lexicon e altri - semplicemente perché lui può.

bono-monitor-desk

Un enorme mondo di monitor si trova sotto il palco, composto dalla base RF di Niall Slevin, incentrata su una sfilza di sistemi wireless Sennheiser, e banchi DiGiCo utilizzati in vario modo da Alastair McMillan (mixaggio per Bono), CJ Eriksson (Larry Mullen e Adam Clayton) e Richard Rainey (the Edge) mentre seguono lo show tramite monitor video che monitorano ciascun membro della band.

“Ogni console ha 128 ingressi e non stiamo duplicando nulla", afferma O'Herlihy. "Quando sono sull’E-stage, vengono utilizzati determinati canali; quando entrano nel “Barricage”, c'è un altro insieme separato di canali che vengono usati; e il mainstage ha i suoi propri canali. Non complichiamo nulla con la duplicazione; quando duplichi, moltiplichi le tue possibilità di errore facendo così! Inoltre, crediamo nella ridondanza al 100 percento; è per questo che utilizziamo il DiGiCo SD7. Ci sono due motori in ciascuna console, quindi se abbiamo un guasto in un motore, si passa automaticamente all'altro perché funzionano contemporaneamente. Anche l'orecchio più istruito non sentirà il cambio. È un aspetto enorme di quello che facciamo - il più grande tour al mondo, niente può andare storto - ecco perché utilizziamo questo particolare prodotto".

Le console, oltre 200 altoparlanti e tutto il resto dalla Clair Global sono ben lontani dai primi tempi della band con il fornitore di audio."Lo facciamo da molto, molto tempo", ammette O'Herlihy, "ed è incredibile il rapporto che abbiamo con Clair. Il nostro 35° anniversario era l'11 maggio - il primo spettacolo che abbiamo fatto con loro è stato al Palladium a New York. Stavamo suonando a Las Vegas la sera e ho inviato loro un biglietto, dicendo "Congratulazioni, ragazzi; 35 anni fa oggi! Mi piacerebbe condividere questo con voi. "Un sacco di risposte - Dave Skaff ha detto," Ricordo di aver portato attrezzatura extra fino a New York "e Troy Clair ha aggiunto" Ricordo di aver caricato il camion in quella occasione! " - e lui ora è il presidente/CEO della compagnia.

"E questa è la cosa, è così tanto incentrato sulle persone. Puoi avere il miglior kit al mondo, ma il kit è kit se non hai la comprensione delle persone che ci sono dietro. Lo facciamo per due ore al giorno; ci sono 22 ore nel resto della giornata, quindi le persone devono andare d'accordo, devono viaggiare in un autobus, devono fare tutto questo e il tour dura a lungo! Molte delle persone qui sono state con me per molto, molto tempo. Joe Ravitch, il nostro ingegnere senior dei sistemi, è stato con me per 35 anni, da quel concerto al Palladium."

7-p40-sr-u2-3-joe-and-jo-copy

(Il mitico Joe O' Herlihy con Joe Ravitch)

Se un tour degli U2 suona un po 'come una questione di famiglia, non sbagliare: lo è. "Mia figlia Sarah è qui, lavora nella gestione dei tour", riferisce. Muovendosi verso il Barricage, aggiunge: "Mio figlio, Mark, quello è il suo schermo. Lavora per PRG a Los Angeles, che è il nostro fornitore di video. Ha iniziato con noi nel 1990 e da allora fornisce la parte video. Sarah è cresciuta attorno ai ragazzi; eravamo effettivamente al Park West di Chicago, il 12 aprile 1981, quando è nata [durante] il tour degli U2, quindi la conoscono da quando era dell'altezza di una cavalletta, come si suol dire ".

Eppure, dopo 40 anni di mix degli U2, con produzioni, tecnologie, aspettative e bambini, che sono tutti cresciuti nel corso degli anni, come vede il suo lavoro oggi?

"Sai cosa?" Dice O' Herlihy. "Ho il miglior lavoro al mondo. Mi sveglio ogni giorno, amo quello che faccio. Quante persone si alzano ogni giorno e odiano quello che fanno? Mi sento assolutamente fortunato e lo so, ed è così che mi sento ogni giorno." Sembra davvero la voce dell’Experience...

Scritta da: Staff il 22/06/2018

©U2place.com Fans Club 1999-2016 - Creato da Rudy Urbinati
La community online più famosa e più importante in Italia sugli U2

Tutti i contenuti di U2place possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre U2place.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.U2place.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di U2place.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a u2place@gmail.com. U2place non � responsabile dei contenuti dei siti in collegamento, della qualità o correttezza dei dati forniti da terzi. Si riserva pertanto la facoltà di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume. Eventuali segnalazioni possono essere inviate a u2place@gmail.com