©U2place.com

U2place.com... a place where the wind calls your name...

Social Network

Entra a far parte di U2place.com, unisciti ai nostri Social Network!

Il forum

Entra a far parte di U2place.com Forum! La più grande community U2 al mondo è italiana!
Iscriviti gratuitamente al nostro forum.

Speciali

Vieni a scoprire tutte le rubriche, gli "specials" e le coreografie che U2place negli anni ha seguito e ideato!

U2place Mobile


Segui U2place anche in mobilità!

L'eXPERIENCE + iNNOCENCE tour secondo The Edge

Tags: u2, tour, live, edge, eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour 2018, experience and innocence tour

Dopo la chiacchierata con Adam, la rivista americana Rolling Stone ha pubblicato anche un'intervista rilasciata da Edge nella quale vengono toccati molti temi connessi al nuovo tour (e non solo). Ecco la traduzione che abbiamo preparato per voi. Buona lettura!

shutterstock_9681132z-5785f673-5c08-44ec-b7b2-5823a2371106

(MediaPunch/REX/Shutterstock)

The Edge sa che l’Experience + Innocence Tour degli U2 che è in corso - nel quale suonano quasi tutti i loro LP Songs of Experience e accantonano la maggior parte dei loro grandi successi radiofonici - non è per tutti.

"Abbiamo pensato che se qualcuno voleva ascoltare le canzoni di Joshua Tree, sarebbe dovuto andare al Joshua Tree tour l'anno scorso", dice al telefono da Chicago durante un giorno di pausa. "Sapevamo che probabilmente le persone che sono venute agli show del Joshua Tree Tour, non sono venute a vedere questo tour, sapendo che sarebbe stato più sbilanciato verso i nuovi album, e va bene. Questo è per i fan del nostro lavoro più recente, i fan più impegnati che ascoltano davvero tutto e vanno a vedere tutti i tour. Questo ci sta bene."

Rollings Stone: A che punto della fase di pianificazione del tour avete deciso che non avreste suonato alcun brano di The Joshua Tree?

Edge: E' venuto naturale, davvero, non appena lo show ha iniziato a prendere forma. In realtà stavamo portando in giro il Joshua Tree Tour e ho iniziato a proporre a Bono e a Willie Williams idee sulla setlist e loro mi rispondevano facendo lo stesso e presto è diventata una cosa tipo "Ehi, perché non pensiamo a uno show senza nulla da The Joshua Tree visto che è quello che stiamo facendo in questo momento?" Evitando di suonare canzoni da The Joshua Tree, si sarebbero inevitabilmente liberati molti spazi nella setlist, e si sarebbe trattato di un bel cambiamento, piuttosto fresco, un nuovo genere di cose. Alcune di quelle canzoni che abbiamo suonato in modo abbastanza costante da quando sono state inserite per la prima volta in una scaletta degli U2. Non penso che non abbiamo suonato "Where the Streets Have No Name" ... potrebbe essere stato in uno show, ma è stato praticamente un appuntamento fisso. Ci piaceva l'idea che ci stessimo costringendo a pensare in un modo diverso. Sentivamo che il risultato sarebbe stato qualcosa di diverso e fresco.

RS: "Love is all we have left" è un inizio di concerto molto più tranquillo di quelli che avevate scelto nel passato.

E: Quando l'album era quasi finito, abbiamo iniziato a fare conversazioni con Willie e Es Devlin. Avevamo realizzato con loro due anche il tour Innocence + Experience. Qualche tempo fa abbiamo preso la decisione che questo era un set di due album, quindi i due tour sarebbero stati correlati tra loro. Siamo tutti giunti alla conclusione che l’impostazione con lo schermo che scende verso il basso nel mezzo della venue sarebbe dovuta essere mantenuta per il secondo tour, questo avrebbe tenuto legati i due spettacoli. Poi abbiamo pensato "Ok, questo show Innocence + Experience ha avuto una vera e propria trama e una narrativa chiara e una struttura che ci permetteva di iniziare come gruppo punk rock sul palco principale e, dopo 25 minuti di semplice rock and roll, questo schermo finalmente scendeva dal soffitto. E’ stata una sorpresa per molte persone che non avevano visto le foto dello show, era tipo "Wow". Questo oggetto arriva.

Per questo spettacolo abbiamo sentito che la cosa più interessante sarebbe stata che le persone sarebbero potute entrare e avrebbero trovato l'oggetto. È già lì. Sta dividendo l’arena in due. Invece di iniziare con un inizio punk rock, dicevamo: "Iniziamo con l'opposto, qualcosa di molto tranquillo, molto meditativo". "Love Is All We Have Left" si è rivelata una grande canzone da utilizzare per aprire questo spettacolo, anche se è stato sicuramente in risposta all'ultimo show, ma sembrava anche un'apertura logica per questo tour e per questo disco.

RS: Da quando vi ho visto nella serata di apertura avete aggiunto "Gloria" nel set.

E: Stiamo cercando di destreggiarci tra diverse cose qui. Di sicuro, la produzione ha un certo impatto su come lo spettacolo progredisce. C'era un aspetto narrativo, ma stavamo anche cercando di mantenere... non che dobbiamo necessariamente raccontare una storia completa, ma lo scheletro, la spina dorsale di quella narrazione era qualcosa che abbiamo trovato abbastanza utile per noi per tenerci disciplinati e mantenere una certa direzione e per concentrarsi. Il prodotto finale, che è probabilmente il motivo per cui abbiamo inserito "Gloria", è stata trovare la giusta combinazione di canzoni che iniziano a generare lo slancio di un grande spettacolo perché è quello che le persone vengono a vedere, un grande spettacolo, una rock & roll band.

La sera del primo concerto del tour eravamo leggermente contrariati per il fatto che la quarta canzone fosse "Beautiful Day”. Non è andata come volevamo, quindi abbiamo pensato, probabilmente è solo un po' presto. È una di quelle canzoni che significa così tanto per le persone, ma probabilmente ha bisogno di una configurazione migliore, quindi stiamo guardando anche all'arco dello spettacolo. Parte del ragionamento era che avremmo aperto con la fine dell’Innocence, "Love is all we have left”, "The Blackout", "Lights of home". Queste sono tre nostre canzoni che trattano della mortalità. Sono assolutamente canzoni sull’esperienza. Poi ci siamo sentiti come, "Ottimo, tu apri con quello. Ora devi tornare all'inizio molto velocemente per iniziare la storia da dove inizia veramente, che sono chiaramente i primi tempi e le Songs of Innocence."

Anche se "Beautiful Day" è, per noi, il momento cruciale, ci siamo resi conto che il momento cruciale poteva essere quello di tornare all'inizio con "I Will Follow" e "Gloria". Ha svolto due ruoli. Prima di tutto, ha aiutato con lo slancio e ha dato la sensazione di esserti guadagnato "Beautiful Day" quando finalmente arriva. E dal punto di vista narrativo sembrava un po' più logico. Infatti all'inizio "Gloria" era stata un'idea, ma in qualche modo ce n’eravamo allontanati perché durante il tour precedente avevamo un intero gruppo di canzoni molto vecchie nella prima parte dello show. Sembrava, "Oh, ci stiamo ripetendo troppo qui? Stessi ritmi?" Ma penso che in realtà significhi qualcosa di diverso in questo contesto perché hai questa suite di canzoni Experience e hai davvero iniziato lo spettacolo in un modo completamente diverso.

RS: "Until the End of the World" non è mai stato un singolo, ma sembra che la suoniate ogni tour. Che mi dici del fatto che questa canzone funziona in qualsiasi contesto nei vostri concerti?

E: Questa è un'ottima domanda. Penso che sia una canzone fantastica dal vivo perché mostra davvero tutto ciò che la band sa fare meglio. In termini di energia viscerale e impatto, è una di quelle canzoni che è difficile da battere. Nel contesto di questi show di Songs of Innocence e Songs of Experience, si adatta perfettamente alle tematiche. Ha riferimenti alla mortalità, a tutte le grandi domande. E’ stata un po' come "Where the Streets Have No Name" in quanto ha trovato trovato spazio nella maggior parte dei nostri spettacoli da quando è stata suonata per la prima volta dal vivo.

RS: "Acrobat" è una risposta alle richieste dei fan?

E: Penso che ci abbiamo preso un po' spunto dai fan della canzone e della band che hanno davvero pensato che sarebbe stato bello ascoltarla dal vivo. Nel pianificare questo tour abbiamo avuto un gruppo di canzoni più ristretto da cui attingere da quando abbiamo preso la decisione di non scegliere nulla da The Joshua Tree. Ci ha costretti a iniziare a considerare certe chicche e "Acrobat" e "Staring at the Sun". Abbiamo anche suonato "Who's Gonna Ride Your Wild Horses". E 'stato divertente per noi. Non avendola mai suonata dal vivo è stato un po' un progetto per tornare indietro e capire come funzionava. Fortunatamente, come con la maggior parte delle mie parti di chitarra, una volta capita, ti rendi conto che è piuttosto semplice. [Ride] Quindi è stata una bella esecuzione. L'abbiamo provata durante le prove e tutti dicevano: "Funzionerà. Suona alla grande".

È una sfida da un punto di vista sonoro perché Larry sta suonando sui tom-tom, che in un grande locale possono diventare davvero confusi. Ma con Larry e Joe O'Herlihy e il suo tecnico Sam O'Sullivan stanno lavorando, l'hanno davvero risolta. Hanno ottenuto un ottimo suono di batteria per ora, che funziona davvero bene nelle venue più grandi.

RS: Avete suonato "Pride" nel Joshua Tree Tour, ma è sembrata molto fresca quando l’avete abbinata al video di MLK e alle marce della pace di oggi. È per questo che volevi ripresentarla?

E: La prima setlist non prevedeva "Pride" quando stavamo tirando le fila circa sei, nove mesi fa. Ma quando abbiamo iniziato a lavorare davvero sulla setlist ci siamo resi conto che sarebbe stato un momento cruciale. "Staring at the Sun" era sulla lista, ma è stato davvero quando abbiamo iniziato ad abbinarla alle immagini video che ci siamo resi conto di quale momento cruciale sarebbe stato, passando da questa a "Pride". È successo davvero a Montreal un paio di settimane prima della nostra serata d'apertura. Non era qualcosa che avevamo capito molto tempo in anticipo. Questo è il divertimento e il pericolo del modo in cui questi spettacoli si vanno a formare - molte delle idee più potenti arrivano abbastanza tardi nel processo, quando inizi a mettere insieme tutto e inizi a vedere dove puntano le cose e quali sono le opportunità.

Ovviamente stavamo per far riferimento alla politica del momento. Era una cosa ovvia per noi, ma il punto era come farlo. Senza arrivare alle prediche e alle cose che forse possono sembrare un po' banali, siamo voluti restare sui problemi e far sì che le canzoni trovassero una nuova risonanza nei tempi in cui ci troviamo.

RS: Avete suonato in alcuni stati profondamente repubblicani quando siete andati a Tulsa e Omaha. Non dici mai "Trump". Mostri i manifestanti. È un modo efficace per trasmettere il tuo messaggio.

E: Sì. Penso che quello che sta succedendo adesso, in modo ancor più forte dopo il primo paio di concerti, è questo tema di trattare davvero i problemi e non le politiche tribali e che il compromesso non è una parolaccia. L’abbiamo visto in Irlanda .L'abbiamo visto da vicino nelle circostanze più difficili, come le persone con storie che si suppone possano renderli completamente incompatibili dal punto di vista politico, abbiamo trovato il modo di trovare un terreno comune sui problemi per andare avanti. Penso che Bono nel suo lavoro con la One Campaign abbia certamente ottenuto un grande successo lavorando con persone con convinzioni politiche con cui non può essere d'accordo. Ma può essere d'accordo su uno o due questioni e questo è sufficiente per andare avanti. Penso che davvero non volevamo puntare il dito contro un nome o fare una predica. Volevamo arrivare alle cose importanti e affrontarle. Questa è la via da seguire.

RS: Il video prima di "One" con tua figlia è un bel modo per entrare nel tema dei diritti delle donne.

E: Sì. Sian non è una specie di artista per natura o per ricerca di attenzioni. E’ molto zen e molto tranquilla e non imbarazzata, non una che si dà delle arie. Quella sua qualità ha reso l'immagine molto potente.

RS: Chiudere con “13 (There is a light)” è un modo calmo e oscuro per terminare lo show.

E: È molto triste, ma l'intero spettacolo è impegnativo. È stato molto difficile adattarlo e farlo fluire e dare un senso tecnico, musicale e narrativo. La sfida per noi è anche non farsi prendere dal panico se la cosa che più spesso accade in uno spettacolo degli U2, ossia che è la venue impazzisca del tutto... Questo è uno spettacolo in cui le persone guardano e pensano e ballano. E va bene. Finire con "13" non è una cosa tipica per gli U2. Tradizionalmente finiremmo in una sorta di grande crescendo, un grande numero per lasciare tutti esausti. Questo è un posto molto contemplativo dove portare le persone.

RS: Avete fatti molti tour negli ultimi anni. Prenderete una lunga pausa quando questo finirà?

E: Penso che ci siano stati tre tour che si sono succeduti in fretta. Direi che probabilmente faremo un po' di pausa alla fine di questo tour e ci riuniremo. Ci sono molte idee per i prossimi dischi, ma penso sia da prevedere un po' di tempo libero solo per ascoltare musica e per alimentare davvero i nostri istinti creativi.

RS: Ho parlato con Adam e ha detto che lo show dell'Apollo Theater sarà molto diverso e pieno di sorprese. Puoi dire qualcosa a riguardo?

E: Penso che il luogo e la mancanza di produzione ci spingano a pensarci come a qualcosa di abbastanza distinto. Quindi, sì, non l'abbiamo ancora immaginato. Secondo il mio istinto direi che sarà un affare più grezzo e lo-fi piuttosto che ... Stiamo utilizzando la tecnologia in un modo molto importante con questo show, quindi penso che andremo dall'altra parte per quello show.

Scritta da: Staff il 01/06/2018

©U2place.com Fans Club 1999-2016 - Creato da Rudy Urbinati
La community online più famosa e più importante in Italia sugli U2

Tutti i contenuti di U2place possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre U2place.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.U2place.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di U2place.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a u2place@gmail.com. U2place non � responsabile dei contenuti dei siti in collegamento, della qualità o correttezza dei dati forniti da terzi. Si riserva pertanto la facoltà di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume. Eventuali segnalazioni possono essere inviate a u2place@gmail.com