©U2place.com

U2place.com... a place where the wind calls your name...

Social Network

Entra a far parte di U2place.com, unisciti ai nostri Social Network!

Il forum

Entra a far parte di U2place.com Forum! La più grande community U2 al mondo è italiana!
Iscriviti gratuitamente al nostro forum.

Speciali

Vieni a scoprire tutte le rubriche, gli "specials" e le coreografie che U2place negli anni ha seguito e ideato!

U2place Mobile


Segui U2place anche in mobilità!

Intervista a Es Devlin, scenografa dell'U2eiTour 2018

Tags: u2, tour, Es Devlin, u2eitour, eXPERIENCE + iNNOCENCE Tour 2018

Ecco tutta per voi l'intervista che la scenografa del tour eXPERIENCE+iNNOCENCE Es Devlin ha rilasciato al sito Dezeen.com, tradotta in italiano da U2place. Buona lettura!!!

es-devlin-u2-set-design_dezeen_2364_hero-1-852x479

La designer inglese Es Devlin e il direttore creativo degli U2 Willie Williams hanno trasformato Bono in un gigantesco avatar di se stesso usando la realtà aumentata per l'ultimo tour del gruppo.

Lo spettacolo in realtà aumentata (AR) fa parte dell' eXPERIENCE+iNNOCENCE Tour, che è iniziato a Tulsa (Oklahoma) lo scorso mercoledì.

Uno schermo gigante posizionato al centro dell'arena proietta una serie di immagini fisse – come dei disegni a carboncino – che hanno la funzione di innesco per la tecnologia AR. Quando il pubblico utilizza la U2 Experience app sui loro smartphone, i disegni-innesco sono trasformati in una serie di immagini e video sovrimpressi in realtà aumentata.

es-devlin-u2-set-design_dezeen_2364_col_9-1704x1707

La prima parte di queste immagini in AR viene proiettata prima dell'inizio del concerto, e fa vedere il palco sostituito da un enorme iceberg che si scioglie gradualmente inondando l'arena e, come ha detto Es Devlin “travolgendo il pubblico nell'inondazione”.

L'immagine di innesco poi si divide e cambia per rivelare Bono rappresentato da un grande avatar in realtà aumentata che si “profila magicamente” sopra il pubblico e ripete i movimenti del cantante mentre canta la prima canzone, Love Is All We Have Left.

Secondo Es Devlin, l'inondazione che c'è prima del concerto “anticipa il cataclisma dello tsunami” che avviene a metà concerto, rappresentato visivamente da una serie di onde attraverso lo schermo durante Until The End Of The World. Questo tsunami amalgama tutti gli elementi visti sullo schermo durante la prima metà del concerto in un caotico collage di onde.

es-devlin-u2-set-design_dezeen_2364_col_4-1704x1483

L' eXPERIENCE+iNNOCENCE Tour segue l' iNNOCENCE+eXPERIENCE Tour del 2015 e i due show si basano sugli album Songs Of Innocence e Songs Of Experience. Es Devlin spiega che questi album contengono molto materiale autobiografico e riflessivo, che va dagli inizi degli U2 a Dublino negli anni '80 fino al loro presente, politico e personale.

“Come il tour del 2015, il nuovo eXPERIENCE+iNNOCENCE Tour si basa sulla storia del vuoto lasciato dalla morte della madre di Bono quando lui era ancora giovane e la successiva formazione dei quattro componenti del gruppo, influenzata dai profondi problemi politici e dalla violenza militare dell'Irlanda degli anni '80” ha raccontato Es Devlin a Dezeen. Ha poi continuato dicendo che “mentre gran parte di SOI è stato scritto come per rivivere e rivisitare con vividi dettagli il territorio di Dublino negli anni '80 – come per far rivivere i personaggi in prima persona – molto del materiale di SOE utilizza una posizione narrativa più ampia, quasi come se il narratore stesse scrivendo da oltre la vita”.

es-devlin-u2-set-design_dezeen_2364_col_10-1704x1703

"L'urgenza di rivivere l'adolescenza turbolenta e violenta lascia il posto a una posizione altrettanto urgente ma più distaccata, come se una telecamera si fosse spostata da un primo piano granuloso ad un'ampia panoramica.”

Secondo la designer, il nuovo spettacolo prende una frase della canzone Love Is All We Have Left, “Now you're at the other end of the telescope”, come suo principio guida. “La frase si riferisce al cambio di prospettiva che il narratore di parte di SOE ha adottato” ha detto Es Devlin “Eventi del passaU2to sono ora visti attraverso una lente futurista, mentre la narrazione viene ripresa dove il tour del 2015 l'ha lasciata.”

es-devlin-u2-set-design_dezeen_2364_col_8-1704x952

La U2 Experience app permette al pubblico di fare foto che catturano simultaneamente sia gli elementi reali che della realtà aumentata. L'applicazione e il materiale al suo interno sono stati ideati dal direttore creativo degli U2 Willie Williams, che da 30 anni lavora alle innovazioni tecnologiche del gruppo. Wiliams ha lavorato con Treatment Studio per la progettazione dell'avatar di Bono e con Nexus Studios per la realtà aumentata.

La direzione e la progettazione dello spettacolo è il risultato di una collaborazione tra U2, Willie Williams, Es Devlin e Stufish Studios, che è iniziata nel 2014. Es Devlin ha recentemente creato anche una scultura animata con la tecnica del video mapping per il festival di Coachella.

es-devlin-u2-set-design_dezeen_2364_col_7-1704x1081

 

Scritta da: Staff il 11/05/2018

©U2place.com Fans Club 1999-2016 - Creato da Rudy Urbinati
La community online più famosa e più importante in Italia sugli U2

Tutti i contenuti di U2place possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre U2place.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.U2place.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di U2place.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a u2place@gmail.com. U2place non � responsabile dei contenuti dei siti in collegamento, della qualità o correttezza dei dati forniti da terzi. Si riserva pertanto la facoltà di rimuovere informazioni ritenute offensive o contrarie al buon costume. Eventuali segnalazioni possono essere inviate a u2place@gmail.com